Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1149
SANTA CROCE CAMERINA - 13/12/2011
Politica - L’attuale assessore provinciale capeggerà una lista civica

"Tutti per S. Croce", Piero Mandarà si candida a sindaco

La candidatura rischia di provocare un terremoto politico nel centro destra

L’assessore provinciale ai servizi sociali, Piero Mandarà del Pdl, ha ufficializzato la sua candidatura a sindaco alle prossime elezioni amministrative di maggio.

L’assessore provinciale ha comunicato la sua discesa in campo attraverso un manifesto affisso in piazza e tramite la testata online diretta dal figlio Paolo. La presentazione della candidatura avverrà in modo formale il prossimo 23 dicembre alle ore 20, in un locale di Punta Secca. L’ufficializzazione della candidatura di Piero Mandarà, che è il secondo candidato sindaco dopo Paolo Aquila della Federazione della sinistra, sebbene era nell’aria da tempo e lo stesso assessore provinciale aveva più volte paventato questa sua intenzione a correre per la carica di sindaco, non potrà non scatenare un terremoto politico nella cittadina ma anche, di riflesso, a livello provinciale.

Piero Mandarà infatti si candiderà a sindaco attraverso una lista «fai da te», la lista civica «Tutti per Santa Croce – Piero Mandarà sindaco» e non con una lista ufficiale della coalizione di centrodestra o del Pdl, di cui fa parte e nel quale ha da poco preso la tessera. Si pensava che Mandarà lavorasse per ottenere la candidatura all’interno della coalizione di centrodestra nella cittadina, così come avvenuto nelle precedenti elezioni comunali, quando la candidatura dell’attuale sindaco Lucio Schembari era scaturita dalla sintesi delle diverse anime del centrodestra nella cittadina, risultata effettivamente vincente sia nel 2002 che nel 2007 con un ampio consenso.

Evidentemente Mandarà ha preso atto che sul suo nome non ci sarebbe stata la convergenza di quasi tutto il centrodestra locale, i cui esponenti, consiglieri e assessori comunali ex Forza Italia, ex An e del Pid, hanno aderito in massa a «Territorio», il movimento politico del sindaco di Ragusa Nello Dipasquale, isolando lo stesso Piero Mandarà e il fratello Salvatore, che non vi hanno aderito e che avevano l’appoggio di un solo consigliere comunale a loro vicino.

Come giudicherà l’iniziativa di Mandarà il coordinatore provinciale Innocenzo Leontini, che aveva nei mesi scorsi appoggiato la candidatura dell’assessore provinciale? Leontini, impegnato in seduta d´aula, è stato impossibilitato, seppur contattato, a far conoscere la sua opinione.