Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1135
ROMA - 14/10/2015
Politica - Mutano pure le regole per l’elezione dei suoi componenti

Solo 7 senatori dalla Sicilia con la nuova legge in vigore

Saranno dieci le Regioni con rappresentanza minima, fissata in due senatori Foto Corrierediragusa.it

Con la nuova legge cambia la composizione del Senato e le regole per l´elezione dei suoi componenti. Questi saranno 95, 21 sindaci e 74 senatori, oltre i cinque di nomina presidenziale. Cosa cambia per la Sicilia? Nel Senato attuale sono presenti 25 senatori eletti in Sicilia ma in quello che verrà fuori dalle nuove elezioni i senatori-consiglieri siciliani saranno appena 7, di questi sei parlamentari eletti all´Ars ed un sindaco. I nuovi senatori infatti saranno scelti dagli elettori al momento del voto per l´Assemblea regionale siciliana perchè saranno chiamati a indicare nella scheda quali di loro dovranno essere a rappresentare la Sicilia a Palazzo Madama. La Sicilia avrà dunque una rappresentanza di un quarto in meno rispetto al´attuale con evidenti ripercussioni sugli equilibri politici. Molti degli attuali parlamentari saranno in uscita e dovranno pensare a "riposizionarsi".
Saranno dieci le Regioni con rappresentanza minima, fissata in due senatori: Liguria, Friuli, Val d´Aosta Umbria, Marche, Abruzzo, Basilicata, Province di Trento e di Bolzano. Gli altri seggi sono così ripartiti sulla base della popolazione residente: Lombardia (quattordici), Campania (nove), il Lazio (otto), Piemonte, Veneto e Sicilia (sette), Emilia-Romagna e Puglia (sei), Toscana (cinque), Calabria e Sardegna (tre).


....solo sette senatori.....
17/10/2015 | 8.43.54
theorius

...sette senatori....e già sono TROPPI!!!!!!!!!!!!