Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 848
ROMA - 19/04/2011
Politica - Roma: Giuseppe Beretta, Pd, ha presentato una interpellanza al governo sulle infrastrutture siciliane

Salta l´incontro tra Matteoli e Russo su aeroporto Comiso

Il parlamentare chiede di conoscere i piani del governo anche sulla Rg - Ct

Sicilia ignorata dal governo nazionale e le infrastrutture non vengono completate. Protesta il parlamentare nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Berretta, che ha presentato un’interpellanza ai ministri dell’Economia e delle Infrastrutture, Tremonti e Matteoli, con cui si chiede se il Governo sia intenzionato a «definire le procedure per giungere all’apertura dell’aeroporto di Comiso» e in quali tempi.


«Dopo un lungo iter procedurale iniziato nel 1999, l’aeroporto di Comiso è pronto dal 16 luglio del 2010 ma nei mesi scorsi, in diverse occasioni, si è registrato un colpevole ritardo da parte del Governo nel mettere in atto gli atti propedeutici all’avvio dell’aerostazione. Il progetto Comiso è costato quasi 60 milioni di euro e frutto della proficua collaborazione fra l’Enac, la Regione siciliana e il comune di Comiso, utilizzando finanziamenti regionali e contributi dell’Unione europea». «Ogni ulteriore ritardo potrebbe mettere a rischio la programmazione della struttura e penalizzare i numerosi imprenditori turistici e non solo, che facendo affidamento sulla realizzazione dell’opera hanno localizzato in quella zona ingenti investimenti – prosegue l’esponente del PD nell’interpellanza parlamentare – Nella sua ultima visita a Comiso, il ministro delle Infrastrutture Matteoli aveva assicurato che a giorni sarebbe stato firmato il decreto interministeriale di affidamento dei servizi di assistenza al volo all’Enav ma da allora sono trascorse inutilmente parecchie settimane e il decreto non è ancora stato firmato».

«Ormai l’annuncio di Matteoli, secondo cui lo scalo sarebbe stato operativo entro l’estate, appare l’ennesima promessa non mantenuta, a danno della Sicilia e dei siciliani contro cui questo Governo continua a mostrare il suo volto peggiore – conclude Berretta – Il volto dell’indifferenza verso le esigenze dei siciliani e, fatto altrettanto grave, della scarsissima considerazione nei confronti dei rappresentanti istituzionali, snobbati ora dal ministro delle Infrastrutture che ha rinviato a data da destinarsi l’incontro con l’assessore regionale Russo in cui si sarebbe discusso proprio di Comiso, della Catania-Ragusa e dei pedaggi autostradali che il Governo Berlusconi vorrebbe far pagare ai siciliani per percorrere strade indecenti».