Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 532
ROMA - 22/12/2010
Politica - Roma: il ministro per l’Ambiente potrebbe approdare a Forza del Sud di Gianfranco Miccichè

Stefania Prestigiacomo si chiama fuori dal Pdl, ma resta nel governo

In serata chiarimento tra il capogruppo Pdl Cicchitto e la parlamentare siracusana
Foto CorrierediRagusa.it

Stefania Prestigiacomo (nella foto) se ne va. La parlamentare siracusana ha lasciato il Pdl ma resta nel governo. Questo almeno a quanto successo nel primo pomeriggio; poi in serata l´evoluzione della vicenda e forse il suo epilogo. Una tempesta in un bicchier d´acqua?

Stefamia Prestigiacomo ha annunciato di passare al gruppo misto alla Camera e la sua fuoriuscita dal Pdl è arrivata come una bomba nell’emiciclo di Montecitorio e nei palazzi del potere. Stefania come Mara? si chiede qualcuno pensando alle dimissioni della Carfagna poi rientrate dopo il colloquio con Silvio Berlusconi; difficile dirlo, ma la Prestigiacomo è apparsa molto decisa e critica con la gestione del partito »Non mi riconosco più nel Pdl, pertanto resterò al governo, ma mi dimetto -ha detto- "Parlerò direttamente con Berlusconi della vicenda».

Tutto è avvenuto dopo la votazione in aula di una proposta venuta dai banchi del Pd riguardante la sospensione dell’esame di un testo sulla imprenditorialità ed il sostegno del reddito alle imprese che ha trovato l’appoggio anche del ministro. Questo episodio ha colmato la misura di una serie di bocciature che la Prestigiacomo ha dovuto subire dal suo stesso partito nelle ultime settimane a cominciare dalla bocciatura del capo di gabinetto del ministro per l’ambiente a membro dell’agenzia per la sicurezza nucleare.

Difficile dire cosa potrà accadere dopo il colloquio con Berlusconi ma dietro l’angolo c’è Gianfranco Miccichè con il suo Forza del Sud che da tempo corteggia la ministra ed è pronto ad annoverarla nella sua nuova formazione politica.

In serata tuttavia una nota di Palazzo Chigi precisa che tra il capogruppo Pdl alla Camera, Cicchitto, e la ministra è stato superato l´equivoco ed il caso è rientrato. Stefania Prestigiacomo tuttavia non ha rilasciato alcuna dichiarazione. Si è fatta sentire solo Mara Carfagna, che ha solidarizzato con la collega ministra ed ha detto "Nel Pdl il disagio esiste".