Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 819
RAGUSA - 26/07/2010
Politica - Ragusa: clamorosi sviluppi alla Provincia e rimpasto in vista

Schembari lascia l´Udc. Cilia dà il posto a Ivana Castello?

Il consigliere provinciale, fedelissimo di Franco Antoci, non si riconosce più nella linea del partito. Imminente l’avvicendamento fra l’assessore allo Sport con una donna di area ex An Sebastiano Failla. Il capogruppo Pdl-Sicilia Moltisanti chiede verifica politico-amministrativa
Foto CorrierediRagusa.it

Nuove fibrillazioni alla Provincia, il consigliere Raffaele Schembari guarda altrove, lascia l’Udc e si dichiara indipendente. L’annuncio nel corso dell’ultima seduta consiliare. La motivazione è breve e laconica ma nasconde parecchia sofferenza. «Non si riconosce più nella linea politica del partito». Ma puntualizza che rimarrà fedele al percorso avviato dal presidente Franco Antoci.

Il colpo di scena arriva a meno di una settimana dalle dimissioni del segretario provinciale Pinuccio Lavima, che ha ricevuto l’invito a ripensarci dal deputato Orazio Ragusa e da altri esponenti. Lavima ci sta ripensando, ma tutto dipende da quando il sindaco Giuseppe Alfano revocherà la sua nomina alla presidenza della Soaco per assegnarla all’Udc nel rispetto degli accordi siglati in tempo di campagna elettorale.

Nel frattempo la situazione sfugge di mano. Le defezioni fanno crescere il malumore proprio mentre il partito si prepara a sciogliersi per confluire in unico soggetto che si chiamerà Api. E le conseguenze le paga viale del Fante, istituzione che esprime in Franco Antoci la massima carica istituzionale dell’Udc.

Che ci siano ancora strascichi inerenti alle nomine dirigenziali? Parrebbe di no. Franco Antoci attende la scadenza del mandato dei 4 dirigenti (31 luglio), ma dopo quello che è accaduto appare intenzionato a rispettare il regolamento Brunetta. Niente «intuitu personae» ma bando pubblico per selezione con contratto a tempo determinato fino alla conclusione del mandato.

Intanto circola voce di un imminente rimpasto assessoriale. L’avvicendamento riguarderebbe l’ex An dove, l’assessore allo Sport Giuseppe Cilia viene dato in uscita per far posto a Ivana Castello, di professione agronoma, modicana, vicina alle posizioni del vice presidente del Consiglio Sebastiano Failla. Non sono 4 le donne, come voleva Giovanni Iacono, ma una è meglio che niente. Alla luce di tutto ciò, il capogruppo del Pdl-Scilia Salvatore Moltisanti ha chiesto al presidente Antoci una verifica politico-amministrativa.

(Nella foto, Raffaele Schembari l´ultimo a destra, quand´era felice nell´Udc. Gli altri sono: da sinistra Giovanni Digiacomo, Franco Antoci, Salvo Barrano Orazio Ragusa, Giancarlo Floridia)