Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 506
RAGUSA - 13/07/2010
Politica - Ragusa: il segretario Peppe Calabrese aprte le porte

Ragusa: al lavoro la nuova segreteria cittadina Pd

Espressione di quella maggioranza uscita dal congresso cittadino che, piuttosto che unire, è riuscito ancora di più a dividere il partito Foto Corrierediragusa.it

E´ già al lavoro la nuova segreteria cittadina del Partito democratico. E´ espressione di quella maggioranza uscita dal congresso cittadino che, piuttosto che unire, è riuscito ancora di più a dividere il partito. Però, il segretario Peppe Calabrese, a organismo insediato, sembra aprire le porte anche a chi non è rappresentato: «Nel Pd – ha spiegato – c´è spazio per fare politica anche da non eletti. L´importante è aver voglia di lavorare e produrre idee e fatti per il bene del territorio e dei ragusani».

La nuova segreteria cittadina è composta, oltre che dal segretario Calabrese, da Maria Cascone (vice con delega alla cultura), Roberto Lofrano (tesoriere), Cristina Farruggio (che si occuperà di pari opportunità e politiche sociali), Nanni Frasca (organizzazione, tesseramento e centro storico), Sandro Tumino (sanità e ambiente), Giancarla Lacognata (scuola), Riccardo Schininà (rapporti istituzionali e sviluppo economico), Alessandra Vicari (politiche giovanili), Daniele Criscione (urbanistica e progettazione), e Maria Distefano (turismo).
Si tratta di una segreteria molto giovane, con un´età media di 35 anni.

«Ha valide prospettive di crescita – ha tenuto a sottolineare Calabrese – impostando processi di lavoro orizzonti con pari dignità tra tutti i dirigenti». Inoltre, aggiunge il segretario, «siamo l´unico partito dotato di coordinamenti eletti democraticamente e non nominati dall´alto. Il nostro è un luogo comune dove fare politica, avviare processi di rinnovamento delle classi dirigenti in grado di dare risposte e parola alla base, ai cittadini. Dall´altra parte ci sono partiti dove contano solo gli eletti e la parola congresso è stata cancellata».

Sotto il profilo strettamente politico, Calabrese ha ribadito che «il Pd rimane alternativo alla politica populista e propagandistica del sindaco attuale. Mai ci faremo piegare alle logiche clientelari di chi oggi ci governa. Lavoriamo e lavoreremo sempre per le future generazioni e non per le future elezioni».
Calabrese ha ribadito che è intenzione del Partito democratico avanzare «proposte alternative a quelle di chi ci governa perché – ha aggiunto – ci sono famiglie che si avvicinano alla soglia di povertà e molte che l´hanno già superata. Non c´è più l´isola nell´isola, come abbiamo sempre ritenuto Ragusa, ma l´amministrazione aumenta le tasse». Poi, Calabrese ricorda di aver «notato denunce da parte dell´Ance sulla carenza di appalti pubblici: non c´è, quindi, quell´effervescenza nei lavori pubblici di cui parla il sindaco».

Il segretario cittadino del Pd ha quindi annunciato che, tra non molto, il partito avrà una sede nuova e che questa «sarà aperta sempre, ogni giorno, alla città ed ai cittadini, che troveranno sempre la porta aperta per esprimere le proprie idee e sollecitare i nostri interventi». La nuova sede del Pd (che sarà anche la "casa" del partito provinciale) sarà dedicata a Pippo Tumino, il presidente della Camera di Commercio scomparso poche settimane fa e che del Partito democratico è stato uno degli iscritti più sentiti e apprezzati.

Fonte: Antonio Ingallina - Gazzetta del Sud