Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 298
RAGUSA - 22/01/2010
Politica - Ragusa: mini rimpasto a palazzo dell’Aquila

Ragusa: Salvatore Giaquinta nuovo assessore comunale

Il sindaco ha infine deciso di aggiungere due deleghe agli assessori Migliorisi e Calvo

Mini rimpasto a palazzo dell´Aquila. Il sindaco Nello Dipasquale ha nominato assessore Salvatore Giaquinta al posto del dimissionario Mimì Arezzo, la cui delega alla alla cultura è andata a Francesco Barone, assieme a quella già detenuta allo spettacolo e alle politiche giovanili. Barone però cede il settore dell’urbanistica e dei centri storici proprio alla new entry Giaquinta.

Il sindaco ha infine deciso di aggiungere due deleghe agli assessori già in carica. La prima è quella per l’immigrazione e gli immigrati, affidata a Gino Calvo. L’altra è quella alla programmazione, affidata a Giancarlo Migliorisi.

E INTANTO NELLO DIPASQUALE SI RICANDIDA A SINDACO
Nello Dipasquale rompe gli indugi e si ricandida a sindaco. «Voglio portare a termine il lavoro iniziato e mi ricandiderò al 100 per cento. Non ho altre velleità» dice il sindaco per mettere a tacere le voci sempre più insistenti di una sua aspirazione a prendere il posto di Innocenzo Leontini alla Regione. DiPasquale va avanti per la sua strada e pensa a completare il suo ultimo anno alla guida di palazzo dell’Aquila.

Venerdì annuncerà il rimpasto in giunta ma deve anche risolvere la grana aperta con il Pdl Sicilia di Nino Minardo. Per la giunta tutto è ormai deciso; Salvatore Giaquinta sarà il nuovo assessore all’urbanistica al posto del dimissionario Mimì Arezzo, un passaggio fatto in casa Mpa e dunque indolore. Se ne andrà anche Giancarlo Migliorisi, per una scelta professionale, ed al suo posto subentrerà Salvatore Occhipinti. Questi movimenti non sono piaciuti, almeno dal punto di vista formale, a Nino Minardo. «Non accetto il metodo –dice il parlamentare Pdl Sicilia- DiPasquale ha preparato e confezionato il piatto e ce lo ha presentato. Così non va».

Nino Minardo che non si è presentato all’incontro fissato dal sindaco proprio per parlare del rimescolamento in giunta è pronto a passare all’opposizione e a lanciare un suo fedelissimo,come l’attuale presidente del consiglio provinciale Giovanni Occhipinti o l’assessore provinciale all’ambiente Salvo Mallia, per la poltrona di sindaco. I primi scricchiolii in casa Pdl si cominciano a vedere anche in provincia dopo aver provocato il terremoto palermitano.