Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 756
RAGUSA - 08/12/2009
Politica - Ragusa: cominciano le grandi manovre della politica

Alleanza siciliana passa nel Mpa e porta a 3 il gruppo consiliare: Burgio, Barrera e Nicosia

Ignazio Nicosia terzo consigliere autonomista. A Vittoria, Giombattista Ragusa «leader» solitario in attesa che si definiscano le posizioni di Fiore, Mascolino, Gatto e Privitelli. Sabato il passaggio ufficiale alla presenza di Enzo Oliva, Mimì Arezzo e Riccardo Minardo
Foto CorrierediRagusa.it

Alleanza siciliana entra nel Movimento popolare per l’autonomia. In via ufficiosa a Vittoria, nel pomeriggio, presso la sede della segreteria del deputato regionale Riccardo Minardo; sabato sera a Ragusa, con l’autorevole partecipazione del commissario regionale Enzo Oliva, il commissario provinciale Mimì Arezzo e il deputato Minardo.

A viale del Fante cresce la delegazione autonomista. A Rosario Burgio e a Pietro Barrera si aggiunge anche il vittoriese Ignazio Nicoia (il terzo da sinistra nella foto, prima di Pietro Barrera. Burgio è il primo da sinistra). A Vittoria Giombattista Ragusa diventerà il «leader» del partito in attesa che si definisca la telenovela dei «quattro più uno» espulsi da Minardo diversi mesi fa: Mario Mascolino (che continua ad avere rapporti personali buoni con l’entourage di Lombardo a Palermo), Concetta Fiore, Sebastiano Gatto e Davide Privitelli, questi 3 vicini alla giunta Nicosia durante l’approvazione degli assestamenti di bilancio.

La domanda sorge spontanea. Se il Mpa a Palermo sta costruendo il Lombardo ter con la collaborazione esterna o interna del Pd, perché a Vittoria i due partiti devono continuare a essere freddi? Anche perché, rivela un esponente del Mpa che ogni tanto i ripassa lo statuto del partito, come si fa a dire che i quattro sono fuori se l’articolo 9 della carta statutaria stabilisce che nessuno può essere espulso senza un provvedimento ufficiale firmato dal presidente nazionale, cioè Raffaele Lombardo?

Alla luce di questa importante svolta, il Mpa ha iniziato le grandi manovre strategiche in vista delle prossime elezioni. E dovrà decidere se allearsi o presentare propri candidati. A Vittoria è difficile rinunciare a 4 consiglieri che raccolgono 1.200 voti insieme. Ma prima delle elezioni c’è il rimpasto alla Provincia. Dopo le feste il presidente Franco Antoci dovrà decidere se trovare un posto in giunta al Mpa, che vanta adesso 3 consiglieri, o no. Così come il Mpa deve valutare se gli conviene amministrare e guadagnare visibilità nella maggioranza in vista delle elezioni oppure continuare a fare opposizione moderata come finora ha fatto.