Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 786
RAGUSA - 11/11/2009
Politica - Ragusa: case popolari, i tanti interrogativi di Italia dei valori

Iacp: Idv sta con Cultrera e denuncia vecchio clientelismo

La segreteria del partito: «Le case occupate e i consensi assicurati. Come viene gestito l’ingente patrimonio immobiliare del Comune di Ragusa?»

Sulla vicenda degli sfratti delle case popolari, Italia dei valori si schiera con il presidente dell’ente Giovanni Cultrera, vittima giorni addietro di un deprecabile messaggio intimidatorio molto eloquente: sette proiettili in busta, tanti quanti gli sfratti finora eseguiti.

«Da anni – scrive la segreteria politica di Idv in provincia- l´Iacp è gestito attraverso una politica clientelare con l´occupazione partitica e sindacale degli organismi direttivi. Tutto questo ha comportato l´occupazione di una notevole parte del patrimonio dell´Iacp in maniera abusiva ed illegittima. Il tutto avallato dai politici stessi al fine di ottenerne facile consenso: nutriamo persino molti dubbi anche sulla imparzialità nella formazione delle graduatorie da parte dei Comuni».

Idv nel mettere in evidenza che l’attuale presidente, l’avvocato Giovanni Cultrera non fa parte della stessa collocazione politica del partito di Di Pietro, ritiene «che l´attuale presidente abbia avuto intanto il coraggio di iniziare la buona prassi amministrativa tentando di ristabilire il rispetto delle norme e della legalità. Ci sono 10 milioni di euro da riscuotere da inquilini morosi e i sindaci irresponsabilmente, a cominciare da quello di Ragusa, hanno fatto diventare gli alloggi parcheggio (che dovrebbero durare fino a 6 mesi) in alloggi permanenti».

A Ragusa gli alloggi ex parcheggio diventati "permanenti" sono 11. «Considerato –conclude Idv- che tante famiglie, appoggiandosi ad amici politici oggi si ritrovano senza casa, tante domande vengono spontanee: i tanti milioni di metri quadri che a Ragusa sono state destinati ad edilizia economica e popolare, attraverso l´erogazione dalle casse pubbliche di miliardi di euro, che tipo di edilizia hanno prodotto? Qual è stata la politica dell´edilizia a fini sociali se nel momento in cui l´Iacp cerca di rimettere le cose a posto centinaia di famiglie si ritrovano letteralmente in mezzo alla strada? Come viene gestito, se viene gestito, l´ingente patrimonio immobiliare del Comune di Ragusa per il quale negli anni scorsi si era provveduto a farne un dettagliato inventario?»