Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1202
RAGUSA - 25/09/2009
Politica - Ragusa: annuncio a sopresa del sindaco del comune capoluogo

Ragusa: Nello Dipasquale autosospeso dal Pdl

La nascita del Pdl Sicilia scatena reazioni anche in provincia. Distefano (Mpa) plaude all’iniziativa del sindaco."Ha fatto bene, è ora che facciamo tutti un passo indietro per il bene della Sicilia" Foto Corrierediragusa.it

La faida palermitana nel Pdl induce Nello Dipasquale (nella foto) ad autosospendersi dal partito. Il sindaco di Ragusa vuole lanciare un segnale direttamente a Berlusconi perché in Sicilia si metta ordine in un partito dove si gioca al tutti contro tutti.

L’annunciata nascita del Pdl siciliano, di cui i primi promotori sono Gianfranco Miccichè e Fabio Granata, ha portato allo scollamento totale nel partito visto che l’area che fa capo ad Angelino Alfano ed al coordinatore Giuseppe Castiglione spinge per abbandonare alla sua sorte Raffaele Lombardo. Sullo sfondo c’è anche la crisi al comune di Palermo con il sindaco Cammarata ormai sottotiro del nascente gruppo Pdl Sicilia.

Nello Dipasquale ha preso la pala al balzo e forte del suo consenso in seno al partito ha posto il caso «Invito tutti gli altri amministratori siciliani a seguirmi fino a quando in Sicilia non ci sarà un partito unito. Quello che sta accadendo in Sicilia va contro qualunque logica politica».

Tutto da verificare se il grido del sindaco Dipasquale sarà udito, se non a Roma, a Palermo, dove il Pdl è in tutt’altre faccende affaccendato e dove la voce proveniente da Ragusa arriva flebile. Per il momento il sindaco si deve accontentare della solidarietà che gli ha concesso il suo vice, Giovanni Cosentini. «Le scelte dell’unità pagano – dice Cosentini- Il modello Ragusa ne è un esempio ma non è possibile che altrove le divisioni siano all’ordine del giorno. La scelta del sindaco è stata difficile ma per certi versi inevitabile».

Se la nascita del Pdl del sud, sia come gruppo all’interno del Pdl, sia come gruppo autonomo, è ormai data per scontata come sostiene da giorni Miccichè, le ripercussioni saranno per caduta anche in provincia. Le divisioni di cui lamenta oggi Dipasquale sarebbero già nei fatti; con Nino Minardo da una parte e Innocenzo Leontini dall’altra. E il sindaco Dipasquale in questo caso da quale parte andrà? O resterà autosospeso a prescindere?

Giovanni Di Stefano, commissario cittadino dell´Mpa, commenta la clamorosa decisione di Dipasaquale. "Ancora una volta il sindaco di Ragusa dimostra di mettere al primo posto gli interessi della gente piuttosto che altri. Gli siamo vicini e siamo certi che la sua iniziativa potrà rappresentare la scintilla per riportare serenità all’interno del suo partito e quindi della maggioranza di governo regionale. Nessuno è esente da responsabilità nella mancanza di unità ed è il momento che tutti faccino un passo indietro, si rimbocchino le maniche e lavorino per i Siciliani. La Sicilia non può aspettare i tempi della politica".