Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1170
RAGUSA - 01/08/2009
Politica - Palermo: l’assemblea ha esaminato il momento politico che il governo Lombardo vive

Tra Pd e Udc c´è feeling grazie a «Popolari per la Sicilia»

L’associazione di cui è presidente Antonio Borrometi ha mosso già i primi passi dopo la costituzione dello scorso aprile

Feeling Pd-Udc. Risulta dagli interventi e dalle relazioni svolte nel corso della riunione promossa dall’associazione «Popolari per la Sicilia» di cui è presidente Antonio Borrometi, che ha mosso già i primi passi dopo la costituzione dello scorso aprile. I convenuti all’assemblea tenuta a Palermo hanno esaminato il momento politico che il governo Lombardo vive e il contesto socio economico della Sicilia.

Antonio Borrometi ha parlato di un autonomismo solidale che non può prescindere dalla sussidiarietà ed ha chiesto un governo forte risolvendo alcune questioni aperte all’interno della maggioranza che sostiene il presidente Raffaele Lombardo. Per Francantonio Genovese,segretario regionale del Pd, bisogna stringere un rapporto con l’Udc a Palermo come a Roma per mettere alle strette il governo ed obbligarlo a delle scelte chiare. Salvatore Cuffaro, vicesegretario nazionale Ud, ha escluso un rapporto di governo con Lombardo e prospetta un nuovo progetto politico che veda le forze centriste protagoniste.

Cuffaro non è soddisfatto di quello che definisce l’autonomismo di facciata di Raffaele Lombardo. I popolari per la Sicilia vogliono comunque giocare il loro ruolo fino in fondo come laboratorio politico e punto di aggregazione di quelle forze che non si riconoscono in una politica dagli orizzonti ristretti che vive alla giornata ed hanno affidato all’ex parlamentare modicano Antonio Borrometi il compito di stringere le fila e riannodare i fili della politica siciliana.