Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1462
RAGUSA - 27/06/2009
Politica - Ragusa: una seria e rigorosa analisi dei dati e dei flussi elettorali

I dati delle Europee secondo IdV: "Non tutti hanno vinto"

"Il nostro partito rispetto al 2004 ha triplicato i propri voti a livello provinciale ed ha quadruplicato i consensi a Ragusa città dove si colloca ad una manciata di voti rispetto all’Mpa e all’Udc"

Italia dei Valori, tramite il suo coordinatore provinciale Giovanni Iacono ha effettuato una seria e rigorosa analisi dei dati e dei flussi elettorali relativi alle ultime Elezioni Europee. Secondo Idv "Non è vero che hanno tutti vinto. Il Pdl - scrive Idv - in Provincia di Ragusa ha avuto in termini percentuali rispetto al 2004 una flessione, pur lieve ma che rispetto ad appena un anno fa, alle Politiche, ha visto ridurre i propri consensi in termini percentuali e in valore assoluto in tutti e 12 i Comuni della Provincia ed in modo drastico (da 10 a 20 punti %) nei Comuni di Acate, Chiaramonte, Comiso, Giarratana, Monterosso, Pozzallo, S.Croce, Vittoria e con meno 5 punti % a Ragusa e Modica.

A Ragusa città mancano all’»appello» in un anno tra i 6.000 e i 7.000 voti. Per il Pd, purtroppo, va molto peggio : dal 2004 al 2009 - aggiunge Idv - i consensi che andavano ai due partiti DS e Margherita sono scesi di 11 punti % (i punti % ricordiamo che non sono l’11% ma sono da rapportare al totale complessivo dei voti e quindi sono molto più dell’11% di partito), dal 2006 al 2009 si sono persi oltre 26.000 voti su 55.000 e a Ragusa città in un anno è «fuggito» il 50 % dell’elettorato tradizionale dei due partiti di origine e ciò malgrado nel 2009 vi è stato il reingresso e quindi il consenso rispetto al 2008 dei componenti di Sinistra democratica e ciò nonostante l’ottimo risultato in termini di attrazione di voto esercitata da candidati molto autorevoli ed importanti come Crocetta e Borsellino che hanno, oggettivamente, avuto un effetto positivo.

I dati Nazionali, Regionali e locali dicono chiaramente che il progetto dell’autosufficienza è stato, sul nascere, sonoramente e reiteratamente bocciato dalle urne (Europee, Amministrative, Referendum). L’’UdC in Provincia di Ragusa è ai suoi minimi storici sia in termini di valori assoluti e sia in termini % e ciò malgrado avesse per l’Europee il candidato locale. A Modica sua roccaforte tradizionale siamo ad una vera e propria ecatombe basta leggere che nel 2004 un Modicano su tre (34,7 %) votava Udc e nel 2009 questo rapporto scende ad 1 su 10 con il 13,4 %.

E veniamo proprio al nostro Partito che ha raggiunto una quota di consenso straordinaria e mai registrata da quando il Partito è presente nell’agone politico. Ancora una volta a Ragusa città Italia dei Valori - scrivono gli interessati - va oltre le percentuali ottenute dal Partito a livello Regionale (7,3) e Nazionale (8) e realizza oltre il 9% che, escluso Palermo e Caltanissetta, dove vi erano i candidati alle Europee (Orlando, Arcuri, Messana), è la più alta percentuale di capoluogo dell’intera circoscrizione Sicilia Sardegna.

Italia dei Valori - conclude il partito - rispetto al 2004 ha triplicato i propri voti a livello provinciale ed ha quadruplicato i consensi a Ragusa città dove si colloca ad una manciata di voti rispetto all’Mpa e all’Udc sulle cui presenze nei vari posti di governo e sottogoverno rimandiamo, per i «cultori», ai comunicati di rimbalzo post elezioni che si sono fatte le segreterie dei due partiti".