Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1079
RAGUSA - 05/05/2009
Politica - Ragusa: le dimissioni rassegnate giovedì nelle mani del presidente Antoci

Monte si è ufficialmente dimesso da assessore provinciale

Il coordinatore provinciale del Pdl Innocenzo Leontini avrebbe indicato in Piero Mandarà il nuovo amministratore

Raffaele Monte si è ufficialmente dimesso da assessore alle Politiche sociali e al Personale. Monte ha rassegnato giovedì le dimissioni nelle mani del presidente Franco Antoci. Nella sua lettera Monte ha ringraziato il presidente per la fiducia accordatagli e per avergli dato l’opportunità di svolgere il suo mandato assessoriale in modo esaltante ed esaustivo. «Nel momento in cui chiudo la mia esperienza di assessore provinciale – afferma Raffaele Monte – ringrazio il presidente Antoci, i colleghi di Giunta, i consiglieri provinciali con cui ho condiviso un’efficace azione amministrativa in questi due anni e il personale tutto che mi ha diligentemente collaborato".

Per l’elegante forma protocollare si tratta di un normale avvicendamento, già concordato e primo atto di altri spostamenti; ma nella sostanza nuda e cruda il rapporto politico fra Raffaele Monte e il leader provinciale del Pdl Innocenzo Leontini si sarebbe deteriorato, lasciando incomprensioni e ruggine. Come i tanti rapporti che si consumano in politica dopo avere toccato il culmine della collaborazione.

Lo stesso coordinatore provinciale della ex Forza Italia Leontini avrebbe proposto in sostituzione di Monte il funzionario dell’Azienda ospedaliera Piero Mandarà.


Va guardata con la lente d’ingrandimento l’elezione di Giuseppe Castiglione a primo coordinatore regionale del Pdl. Con Castiglione, Angelino Alfano e Renato Schifani stanno Innocenzo Leontini e ora anche l’assessore Carmelo Incardona (in grande rottura con il presidente della Regione Raffaele Lombardo, il sindaco di Ragusa Nello Di pasquale. Leontini, Incardona e Dipasquale presenteranno domenica a villa Di Pasquale i candidati Giovanni La Via e Salvatore Iaconolino.

La componente sopra citata si colloca in contrapposizione all’altra area che a Palermo fa capo a Gianfranco Micciché e in provincia a Nino Minardo e Gianni Mauro. Come è buona consuetudine, la campagna elettorale unisce apparentemente i partiti ma divide le correnti al loro interno. Ci sono 3 preferenze da esprimere e alla conta dei voti chi vince detterà le condizioni.

Il dopo elezioni dovrebbe risolvere molti di questi interrogativi. Che ruolo avrà Incardona dopo la brutta situazione creatasi all’interno del suo assessorato? Chi sarà il prossimo direttore generale della nuova e unica Azienda ospedaliera che nascerà dal 1 settembre? Lillo Termini, Fulvio Manno, Armando Caruso (attuale direttore amministrativo dell’Ausl 7 vicino a Incardona) o un uomo del presidente Raffaele Lombardo? E ancora, si fermerà a un rimpasto regionale il malumore che regna nel governo di Lombardo o si andrà alle elezioni anticipate, che vedrebbero il ragusano Innocenzo Leontini fra i probabili aspiranti alla più alta carica di Palazzo d’Orleans?