Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 498
RAGUSA - 23/04/2009
Politica - Ragusa: inizia la corsa alle candidature europee e scattano le polemiche in famiglia

Leontini a «Musotto» duro: «Deve tutto ai voti del Pdl»

«Prima di criticare in casa d’altri faccia dimettere NIcola Iacolino e Rossana Intrerlandi da direttori regionali» Foto Corrierediragusa.it

Tempo di elezioni, di formazione delle liste e anche di polemiche. Polemiche europee che partono dalla base. E fra Pdl e Mpa la tregua è finita, almeno fino a giugno. Avevano iniziato il governatore Raffaele Lombardo e l’assessore al Lavoro Carmelo Incardona per la storia del piano formativo 2009, continuano Leontini e Francesco Musotto, eletto nella lista Pdl nel 2008, diventato presidente della Commissione legislativa Ue, poi transitato nell’Mpa e mai dimessoi dalla carica istituzionale.

E Innocenzo Leontini gliele manda a dire piuttosto piccato: «L’on Musotto prima ancora di criticare la scelta del Pdl di candidare Salvatore Iacolino alle Europee, faccia le umane e divine cose affinché si dimettano Nicola Vernuccio e Rossana Interlandi, i quali sono stati nominati direttori regionali per un unico motivo: sono coordinatori provinciali dell’Mpa».

La dura risposta di Leontini alle «critiche» del presidente della Commissione Ue all’Ars continua: «L’on Musotto, essendosi cimentato nel campo dell’etica, ovvero nel terreno dei princìpi, per coerenza dovrebbe avvertire il bisogno di far prevalere il principio di incompatibilità. Principio che vale anche per le candidature: le stesse voci che danno Iacolino candidato, vogliono in lista due dei tre assessori regionali del partito di Lombardo!».

L’ultima chicca di Leontini riguarda lo stesso Musetto. «Dobbiamo pur sottolineare che Francesco Musotto è presidente di Commissione perché in quota Forza Italia e, malgrado il suo passaggio all’Mpa, non ha mai ritenuto fosse il caso di dimettersi da tale carica».

(Nella foto da sx Innocenzo Leontini e Francesco Musotto)