Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 23:34
RAGUSA - 11/01/2018
Politica - Iniziativa dei consiglieri Mario D’Asta e Mario Chiavola

Il presidente del consiglio comunale diffidato dal Pd

I 2 consiglieri dem sono pronti a rivolgersi al prefetto e all’assessore regionale agli enti locali Foto Corrierediragusa.it

I consiglieri comunali del Partito Democratico Mario D’Asta e Mario Chiavola (foto), hanno deciso di diffidare il presidente del civico consesso Antonio Tringali, per "Il mancato rispetto - si legge nella nota del Pd - delle regole riferite alla necessità di accedere agli atti tese a consentire il migliore espletamento dell’attività istituzionale". «Negli ultimi mesi – sottolineano D’Asta e Chiavola – questa problematica, che pure già era presente in passato e rispetto alla quale più volte avevamo fatto sentire la nostra voce in privato ma anche in consiglio comunale , rivolgendoci a chi doveva essere garante delle nostre esigenze, si è particolarmente acuita. Ogni volta che facciamo richiesta d’accesso agli atti ci sono problemi in merito: o non ce li danno oppure gli stessi arrivano con notevole ritardo, dopo continue sollecitazioni, o non arrivano completamente, come accaduto ad esempio con la complicata questione del servizio sociopsicopedagogico.

E le risposte che riceviamo sono in genere insufficienti. Una cosa è certa: il termine di cinque giorni contemplato dal regolamento viene violato regolarmente. Ci risulterebbe che il presidente del consiglio - proseguono D´Asta e Chiavola - abbia sollecitato gli uffici con una nota, ma evidentemente non basta. E comunque l´effetto finale è quello di non essere messi in grado di fare il nostro lavoro di controllori, impedendoci di potere espletare nella maniera più opportuna il nostro ruolo di consiglieri. Siamo pronti a rivolgerci al prefetto e all’assessore regionale agli enti locali perché troppe cose non vanno e non siamo più disposti a tollerare oltre. La mancanza di trasparenza - concludono i 2 consiglieri dem - è insopportabile".