Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:33 - Lettori online 550
RAGUSA - 06/08/2017
Politica - Al via da sabato sera il tour «A tutta Sicilia» del Movimento 5 Stelle

La "Grilla Riscossa" è partita da Marina

Applaudito sul palco anche il candidato pentastellato alla presidenza della Regione Foto Corrierediragusa.it

In attesa di Beppe Grillo è toccato a Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista lanciare il tour «A tutta Sicilia». In piazza Torre a Marina di Ragusa, prima tappa del giro siciliano (foto) che toccherà le più importanti località turistiche (Acitrezza, Giardini Naxos, Patti, Sant´Agata di Militello per finire nel Palermitano) erano presenti quasi 500 persone che hanno applaudito a scena aperta i due leader del M5S e Giancarlo Cancelleri, il parlamentare regionale pentastellato candidato alla presidenza della Regione. Non a caso la campagna elettorale è partita da Ragusa, dove quattro anni si registrò il successo di Federico Piccitto."Vincere in Sicilia è importante per i siciliani, abbiamo bisogno di un riscatto", è stato l´esordio del candidato alla presidenza della Regione Il vicepresidente della Camera ha poi reso noto il sondaggio che darebbe il candidato pentastellato al 50 per cento e non nasconde la soddisfazione del movimento che punta su Palermo quale prima regione a guida pentastellata.

Non sono mancate le frecciate agli altri partiti ed al presidente Rosario Crocetta: "Sono alla canna del gas, implorano Angelino Alfano per avere il suo sostegno. La nostra sarà una campagna all´insegna dell´umiltà, ma noi siamo qua mentre il Parlamento è chiuso", dice Alessandro Di Battista, che è apparso il più scatenato dei tre sul palco di piazza Torre ma l´applauso è tutto per Cancelleri che attacca i metodi della vecchia politica ed annuncia che "con tre milioni e mezzo di euro, frutto dei tagli in programma, appoggeremo nuovi laureati per preparare, con stage in Regione, i nuovi dirigenti". E naturalmente punto focale del programma il taglio ai privilegi dei palazzi palermitani ormai insopportabili per i siciliani.