Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 10:36 - Lettori online 610
RAGUSA - 22/04/2017
Politica - Lab 2.0 all’attacco

Diffida di Sonia Migliore al sindaco Piccitto

I consiglieri comunali non avrebbero facile accesso agli atti Foto Corrierediragusa.it

«I consiglieri comunali hanno diritto di accesso a tutti gli atti che possano essere d´utilità all´espletamento del loro mandato, senza alcuna limitazione». Sono le parole riportate in una nota ufficiale da Sonia Migliore (foto) quale portavoce del movimento politico Lab. 2,0 che tuona contro le richieste di atti che rimangono inevase da parte della giunta. «Il diritto all´accesso agli atti dell´amministrazione - ribadisce Sonia Migliore – è quanto sancito dal Consiglio di Stato con la sentenza 2716 del 2004 in base alle normative vigenti, ma al Comune di Ragusa». La consigliera punta il dito ancora una volta contro chi, a suo dire, "Si farebbe beffa di questo diritto per scopi ostruzionistici", come scrive testualmente nella nota. La Migliore lamenta che alcune richieste di atti sarebbero in giacenza da almeno un anno senza aver trovato riscontro, cosa a suo dire gravissima, proprio perché la visione degli atti è un diritto dei consiglieri comunali. In particolare gli atti richiesti da Laboratorio 2.0 riguarderebbero l’affidamento di alcuni servizi a una Associazione, la gestione del canile municipale, la concessione di contributi alle strutture ricettive con i fondi della tassa di soggiorno e alcuni debiti fuori bilancio. La richiesta più recente risalirebbe a novembre del 2016 e la richiesta più vecchia sarebbe del marzo 2016.

Ritardi nella consegna dei documenti che vanno dai 12 ai sei mesi, anche se andrebbero consegnati entro 30 giorni, secondo quanto riferisce la consigliera. Sonia Migliore parla dunque di «Omissione di atti di ufficio» e annuncia di aver dovuto agire per necessarie vie legali con una nuova diffida al sindaco e al segretario comunale, in quanto garanti del rispetto dei diritti di ogni rappresentante istituzionale in seno al civico consesso. Diffida inviata per conoscenza anche al Prefetto di Ragusa e alla Procura della Repubblica, come la stessa Migliore ha spiegato dando vita a una nuova battaglia che già preannuncia scontri in civica assise.