Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 19 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 764
RAGUSA - 17/12/2016
Politica - Chieste le dimissioni dello stesso Piccitto

Il sindaco Piccitto senza maggioranza "striglia" opposizione: "Se mi volete cacciare da irresponsabili, fate mozione di sfiducia"

Una seduta del consiglio comunale infuocata Foto Corrierediragusa.it

Variazioni di bilancio bocciate. La maggioranza affonda e l’amministrazione Piccitto deve prendere atto del malessere diffuso all’interno del M5S. E’ stata l’ultima arrivata, Maria Rosa Marabita, ad affossare l’atto che l’assessore al bilancio Stefano Martorana aveva presentato e che era articolato su quattro delibere. Ora bisognerà correre ai ripari entro il 31 dicembre per non incorrere in procedure di infrazione che danneggerebbero l’ente. «Un atto irresponsabile - ha commentato il sindaco Federico Piccitto (foto) a 24 ore di distanza- Questo era un atto tecnico. Se l’opposizione vuole mandare via l’amministrazione presenti una mozione di fiducia». Il sindaco incassa ma rilancia subito dunque ma trova i consiglieri di opposizione agguerriti. Dice Mario D’Asta: «Piccitto assuma decisioni conseguenziali a quanto avvenuto in aula. Si dimetta e si vada al voto, noi siamo pronti». Tutto nasce da quanto è successo venerdì sera in aula, presenti tutti i 30 consiglieri a conferma dell’importanza e dell’attesa per una delibera che tutti attendevano per misurare la consistenza dell’amministrazione. Sindaco e assessore al Bilancio erano tra i più tesi rendendosi conto che l’approvazione dell’atto era sul filo del rasoio. Il voto di Maria Rosa Marabita, esponente del Meet-up RagusAttiva, da sempre critico con sindaco e amministrazione, è stata la logica conseguenza della distanza esistente tra amministrazione e la base grillina.

La votazione, 15 voti contro 15, ha decretata la bocciatura della delibera. Massimo Agosta, subito dopo il voto, ha fotografato la situazione. «Qualcuno dovrà rispondere di questo comportamento e se ne dovrà assumere le responsabilità anche perché se non ci sarà una proposta alternativa si creerà un danno erariale». Filippo Spatola chiederà al direttivo regionale e nazionale di espellere la Marabita dal movimento. Al di là delle conseguenze sul piano personale e interne al M5s il sindaco dovrà gestire ora una fase politica molto turbolenta e difficile anche perché le opposizioni hanno già chiesto le dimissioni di Federico Piccitto e del suo assessore Stefano Martorana nei confronti del quale gli attacchi sono stati ripetuti nel tempo.