Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1301
RAGUSA - 16/11/2016
Politica - Il Giro di Sicilia del premier

VIDEO Renzi mattatore a Ragusa imita Salvini

Circa 2 mila persone al teatro Tenda e anche qualche contestatore Foto Corrierediragusa.it

C’era anche un gruppetto di contestatori ad attendere nella piovosa serata di martedì al teatro tenda di Ragusa il premier Matteo Renzi, presentatosi con un paio d’ore di ritardo rispetto alla scaletta dinanzi a circa 2 mila persone in attesa (vedere video servizio di Canale 74).


Il capo del governo aveva cominciato a Catania il suo Giro di Sicilia, poi proseguito al teatro Vasquez di Siracusa. Nel capoluogo etneo aveva inaugurato la «Torre Biologica Ferdinando Latteri» parlando della necessità di spingere la ricerca e valorizzare le professionalità delll’Italia, che da anni soffre della fisiologica “fuga di cervelli”. Tra i temi cari al Presidente del Consiglio anche l’impegno per l’accoglienza dei migranti che vede l’Italia in prima fila in una Europa che è invece sorda ed erge muri. Infine la tappa iblea e dal palcoscenico del teatro tenda di Ragusa Renzi ha parlato dei cantieri che apriranno entro il prossimo anno. Per la Ragusa—Catania il premier ha fissato il limite temporale a metà 2017 annunciando poi la firma del progetto della metropolitana di superficie di Ragusa “Anche se qui a governare ci sono i grillini”, ha tenuto a precisare. Altro tema sentito è quello del turismo e delle possibilità di sviluppo che la Sicilia può avere grazie a questo comparto. “L´Italia ha bisogno della Sicilia”, ha concluso il presidente del consiglio, ricordando molto da vicino uno slogan simile tanto caro al parlamentare siciliano della Democrazia Cristiana Salvo Lima, ucciso da Cosa Nostra nel 1992”, come di recente raccontato dal film di Pif "La mafia uccide solo di estate". E poi le solite parole di circostanza sul futuro dell’Isola, ma non chiamatele promesse, perché per il premier si tratta di “impegno strategico”. Renzi si è poi improvvisato "mattatore" con una breve imitazione di Salvini, accompagnato dalle ben note ciritiche, quasi a voler esorcizzare la seppure remota possibilità che l´altro Matteo possa succedergli alla guida del governo, dal momento che il leghista non ha fatto mistero delle sue aspirazioni politiche.


farsa
16/11/2016 | 16.10.25
pozzallese

avete bisogno della sicilia solo quando vi servono voti e referenze VERGOGNA..IO VOTO NO