Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:46 - Lettori online 691
RAGUSA - 15/10/2007
Politica - Ragusa - I giovani di An alla manifestazione capitolina

Azione Giovani incontra
Alemanno: "Sfrattiamo Prodi"

"Per noi la politica è ancora passione, fede, impegno" Foto Corrierediragusa.it

Il circolo d’Azione Giovani di Modica (nella foto con al centro Gianni Alemanno)ha partecipato, insieme ad una larga rappresentanza di esponenti del circolo locale di AN, fra i quali Sebastiano Failla, Marco Nanì e Ignazio Civello, alla manifestazione di Alleanza Nazionale, del 13 ottobre scorso a Roma, la più grande manifestazione di destra dal dopo guerra ad oggi, mezzo milione di persone arrivate da ogni dove, Nord Centro e Sud Italia, per chiedere a gran voce a Prodi di andare a casa. Subito dopo la manifestazione, i giovani di AN si sono intrattenuti con l’On. Gianni Alemanno, presidente della Federazione Romana, il quale ha accolto con molto entusiasmo l’invito a visitare il circolo d’Azione Giovani di Modica.

«Per noi la politica è ancora passione, fede, impegno, volontà di stare fra la gente, è un atto d´amore per la nostra Patria: questa è la destra italiana». «E´ uno dei passaggi dell´intervento del presidente di AN Gianfranco Fini, che rispecchia perfettamente - affermano gli esponenti d’Azione Giovani - lo spirito che si respirava durante la manifestazione di Roma, tantissime persone hanno invaso la capitale senza creare alcun problema alle forze dell’ordine, le quali si limitavano a dare semplici informazioni logistiche, con grande stupore anche da parte loro. E’ stata una grande manifestazione di popolo a dimostrazione che la destra moderna rappresenta una consistente parte dell’Italia onesta che non né può più di Prodi & compagni».

«La crescente insicurezza delle città e il livello intollerabile che ha raggiunto il prelievo fiscale ? afferma Azione Giovani ? sono due emergenze che hanno raggiunto un livello tale da minacciare il valore della libertà individuale che dovrebbe essere alla base di una democrazia moderna». Così come dichiarato da Gianfranco Fini «non c’è libertà, quando un’impresa deve assoggettare le sue attività al racket; non c’è libertà, quando un anziano ha paura di ritirare la pensione alle poste. Questo governo ha ingannato gli italiani! Di fatti venerdì scorso non è riuscito a varare il pacchetto sicurezza del ministro Amato, l’ennesima spaccatura della maggioranza».

«Abbiamo apprezzato molto ? continuano i giovani di AN ? l’intervento dell’ On. Gianfranco Fini sull’introduzione del quoziente familiare ossia un intervento che non guardi al reddito del singolo cittadino, ma al nucleo familiare sul quale va rimodulata l’intera politica fiscale. Sul fronte della sicurezza, condividiamo pienamente le parole del presidente Fini sulla necessità di maggiori risorse e mezzi per le forze dell´ordine, il superamento della legge Gozzini, vale a dire l’esclusione d’ogni beneficio per i recidivi l’esigenza di maggior tutela per le vittime dei reati, l´arresto obbligatorio e processi per direttissima, in modo da garantire la punizione dei colpevoli di tutti i crimini di particolare allarme sociale, infine il risarcimento a carico dello stato a favore dei cittadini vittime di reati commessi, da chi è rimesso in libertà, grazie all´indulto».

«Molto incisivo l’intervento dell’On. Gianni Alemanno ? conclude Azione Giovani ? che ha interpretato perfettamente gli animi di chi affollava via dei Fori Imperiali, rivendicando i diritti di ogni italiano a non sentirsi straniero a casa propria, precisando che siamo un popolo ospitale, ma chi viene in Italia deve rispettare le nostre leggi e la nostra identità. Sul fronte della pressione fiscale, aumentata con il governo Prodi di 2,5 punti, gli italiani non possono essere condannati per sempre a pagare troppe tasse per mantenere le lobby vicine al potere».