Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:09 - Lettori online 1704
RAGUSA - 18/10/2016
Politica - Numero legale assicurato dalla presenza di 3 consiglieri dell’opposizione

Relazione annuale sindaco Piccitto in consiglio comunale

Rivendicati interventi per cultura, ambiente e riorganizzazione macchina amministrativa Foto Corrierediragusa.it

Relazione annuale in aula del sindaco Federico Piccitto (foto) ma la seduta si tiene solo grazie alla decisione di tre consiglieri di minoranza di essere presenti. Ancora una volta larghi vuoti nei banchi della maggioranza anche per un appuntamento politico importante ma è la buona volontà dei consiglieri Morando, Massari e Ialacqua di tenere in vita il consiglio. Con il sindaco ci sono tuttavia tutti gli assessori quasi a sottolineare la compattezza della giunta e il sindaco comincia a snocciolare fatti, delibere e numeri che alla fine, nella valutazione dell’opposizione, risulta solo un mero elenco. Piccitto parte dall’inizio: «Dal primo anno ci siamo posti alcuni obiettivi fondamentali: il primo era far ripartire la macchina amministrativa che avevamo trovato ingolfata per la mancanza di dirigenti. Poi abbiamo dovuto far fronte ai tagli nei trasferimenti di Stato e Regione e quindi pensare alle opere pubbliche. Infine abbiamo pensato ad accrescere l’appeal della nostra città a livello nazionale e internazionale». Tra le opere pubbliche qualificanti il sindaco cita i sette milioni investiti per la sicurezza nelle scuole, l’auditorium della Berlinguer e il nuovo ampiamento della Quasimodo. L’amministrazione ha anche puntato sugli spazi per la cultura e da qui la scelta del nuovo auditorium dell’ex Ideal in piazza Libertà e la sala Falcone Borsellino a Ibla.

Piccitto dedica un passaggio anche al recupero dell’ex teatro Concordia ancora al palo ma per il quale l’amministrazione punta ad un progetto snello e certamente meno dispendioso di quello originale. Tra i risultati raggiunti citato anche il castello di Donnafugata che in questa stagione turistica ha registrato un nuovo boom grazie anche alle mostre e alle iniziative volute dall’amministrazione. Sull’ambiente Piccito punta sulla nuova gara che entro l’anno affiderà il servizio per sete anni e grazie alla quale tutto il territorio sarà coperto con la raccolta differenziata. Poca approfondita la questione finanziaria, come rilevata dalle opposizioni e l’utilizzo delle royalties. Per Sonia Migliore la relazione del sindaco è sterile. Dibattito non concluso e rinviato alla prossima seduta.