Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 426
RAGUSA - 21/09/2016
Politica - Il passaggio non sarà però automatico

Ordine del giorno su riduzione tasse approvato a Ragusa

Durissimo il giudizio dell’opposizione sull’operato della giunta Foto Corrierediragusa.it

"Piccitto, riduci le tasse": 13 consiglieri dell’opposizione hanno approvato un ordine del giorno con il quale si si impegna l’amministrazione a ridurre i tributi comunali a carico dei ragusani. La maggioranza era in palese inferiorità numerica, solo 4 consiglieri in aula, e ha dovuto subire l’iniziativa delle opposizioni che hanno votato in modo compatto evidenziando ancora una volta le fratture interne al M5S. La mozione prende le mosse dalla proposta popolare promossa dal Laboratorio 2.0 che ha raccolto 4 mila 500 firme nel corso degli ultimi mesi. L’approvazione della mozione non significa in automatico che il sindaco e l’amministrazione passeranno subito al taglio dei tributi così come auspicato dai cittadini, ma è un segnale politico ben preciso perché mette in evidenza tutte le difficoltà e le contraddizioni dei pentastellati che, nel caso specifico hanno addebitato alle opposizioni, la forzatura della votazione in aula. Mario D’Asta e Mario Chiavola mandano un messaggio chiaro al sindaco ed ai suoi: «Facciano chiarezza al loro interno. E provino ad assicurare il numero legale in aula: se ci riescono. Altrimenti, si facciano da parte. E in via definitiva».

Durissimo il giudizio di Laboratorio 2.0: «Sono loro che non riescono a garantire il normale svolgimento del Consiglio comunale. E’ una loro responsabilità, la smettano di cercare alibi e affrontino la realtà.
Ma questo è solo un aspetto della vicenda, una maschera per camuffare la verità. Il voto di martedì sera non è solo un passaggio politico che premia l’attività corale dell’opposizione, ma rappresenta pure il giudizio impietoso che gli stessi 5 stelle, i quali hanno di fatto disertato l´aula, hanno consegnato all’amministrazione che dovrebbero sostenere».