Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 953
RAGUSA - 14/09/2016
Politica - La prima seduta dopo le vacanze estive ha visto solo 9 presenti in aula

Ragusa, manca il numero legale. Consiglio impantanato

La maggioranza pentastellata non riesce ad essere compatta.Dure le opposizioni Foto Corrierediragusa.it

A luglio era sembrato che la maggioranza si fosse ricompattata. Aveva infatti votato il bilancio e gli strumenti finanziari. Ma alla ripresa dopo la pausa estiva perché ancora una volta la seduta è stata sciolta per mancanza del numero legale. Maggioranza ai minimi termini e opposizioni all’attacco. Dopo le comunicazioni del presidente i consiglieri pentastellati si sono dileguati lasciando in aula solo 9 «superstiti" costringendo così il presidente Tringali a rinviare i lavori. Mario Chiavola e il gruppo Insieme con Maurizio Tumino sono i più critici e Tumino arriva a suggerirre ai consiglieri della maggioranza di chiedere la sfiducia al sindaco o dimettersi. In casa 5stelle le cose, peraltro si sono complicate, perché il nuovo consigliere subentrato in aula, Maria Rosa Marabita (foto), a seguito delle dimissioni di Salvatore di Pasquale, rivendica con forza la sua identità di componente del meet-up RagusAttiva, da sempre critico con Federico Piccitto. Marabita non sarà dunque tenera e allineata con il gruppo di maggioranza e sarà quindi difficile assicurare anche la compattezza dei 15 consiglieri.

E da questo punto di vista anche gli ultimi arrivati Gianna Sigona e Dario Gulino sono da sempre critici soprattutto con la politica economica della giunta. Gulino in questi giorni è stato accostato al gruppo di Insieme e non ha certo smentito così come Maurizio Tumino, pur se nessuna comunicazione ufficiale è ancora pervenuta. Sta di fatto che la maggioranza pentastellata è frantumata e la prima seduta del consiglio dopo la pausa estiva lo ha confermato.