Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1055
RAGUSA - 05/08/2016
Politica - I fatti amministrativi della città suscitano mal di pancia

La maggioranza blinda il bilancio. Le consigliere Migliore e Nicita accusano

Le opposizioni vedono passare appena 5 dei 25 emendamenti presentanti Foto Corrierediragusa.it

La maggioranza si compatta in aula e blinda il bilancio. Solo briciole per le opposizioni che vedono passare appena 5 dei 25 emendamenti presentanti, e non proprio i più qualificanti e importanti come destinazione di somme. La seduta apre anche una frattura in seno alle opposizioni perché Sonia Migliore e Manuela Nicita (foto) di Laboratorio 2.0 lanciano accuse ben precise e parlano di consiglieri che fanno da stampella alla maggioranza. Migliore e Nicita si riferiscono ad una bozza di bilancio che sarebbe stata concordata sottobanco con i consiglieri di maggioranza, ma la loro tesi non è suffragata da alcun dato concreto. Sta di fatto che le due consigliere lasciano l’aula e non partecipano per protesta alla seduta mentre i consiglieri pentastellati tirano dritto e portano a casa il bilancio del sempre discusso assessore al ramo Stefano Martorana. Non passa l’emendamento di Insieme Movimento città e di Giorgio Massari che vorrebbe sei milioni e mezzi destinati al taglio delle tasse per i cittadini, supertassati a causa dei tagli operati dal governo centrale. Funzionari e giunta lo ritengono non compatibile con la quadratura dei conti.

Né vengono accolti gli emendamenti riguardanti la riqualificazione di Piazza S. Giovanni, 4 milioni e mezzo, e di piazza Malta a Marina, un milione mezzo. Passano invece le somme accreditate per la Legge su Ibla che serviranno, per esempio, a finanziare delle manifestazioni culturali. Movimento Città insiste perché le royalties vengano utilizzate per lo sviluppo e le infrastrutture ma la maggioranza sul punto è vaga e rimanda.