Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 731
RAGUSA - 27/05/2016
Politica - Ancora mal di pancia piuttosto forti nel M5S

"Fuoco incrociato" sul sindaco Piccitto

E il primo cittadino tace Foto Corrierediragusa.it

Non c’è pace per il sindaco Federico Piccitto. Il malessere all’interno del M5S è ormai palpabile e non sono serviti gli ultimi ritocchi alla giunta con la nomina di due nuovi assessori. Stavolta è Dario Gulino (foto) ad attaccare frontalmente il sindaco e il suo metodo di lavoro. Il consigliere pentastellato è insoddisfatto ed anzi sostiene di avere sbagliato nell’appoggiare le scelte dell’amministrazione: «Se per il primo anno la lentezza amministrativa poteva essere giustificata per l’inesperienza, se per il secondo anno si faceva appello alla disastrosa situazione economica lasciata in eredità dal passato, non si vedono motivazioni perché l’attività amministrativa sia bloccata. Un carico fiscale e tributario ai limiti della sopportazione, introiti sempre crescenti delle royalties, anche la tassa di soggiorno costituisce un reddito non indifferente per la nostra città, abbiamo votato in appoggio all’amministrazione perché convinti delle strategie che ci venivano proposte. Abbiamo sbagliato. Comincia ad emergere una incapacità di fondo che denota come certi amministratori si sono divertiti nell’abbondanza senza riuscire a imporre una corretta programmazione.

Ci dicevano - prosegue Gulino - che correvamo verso il risanamento, sembra invece il passo del gambero se è vero che del bilancio non c’è ombra. Non è stato rispettato il termine del 30 aprile, non si fa nulla per mettere le cose a posto, incuranti del possibile commissariamento, si decide autonomamente per presentare il bilancio a luglio, sperando, forse, nella solita proroga che rimandi tutto a settembre quando i giochi saranno fatti e tutte le somme impegnate.

Tanti servizi in sospeso, per l’impossibilità di utilizzare fondi di bilancio, si vive sugli impegni del sindaco che, purtroppo, tante volte, abbiamo avuto modo di verificare non essere stati rispettati. Impossibile garantire servizi essenziali, addirittura il rischio, svenato solo dallo spirito di collaborazione dei componenti il nucleo di protezione civile, di interrompere il servizio di salvataggio a mare, con la chiusura del presidio e la possibile assenza dei bagnini sulle spiagge.Ma il Comune è la casa di dirigenti strapagati, di posizioni organizzative e di premi di produzione da grande azienda.

Non serve più ostinarsi a chiedere la testa di quell’assessore o di quel dirigente - prosegue il consigliere grillino - e anche in qualità della componente che una volta era maggioranza a sostegno dell’amministrazione, consiglierei al Sindaco di non cercare più persone competenti al suo fianco, ma di limitarsi all’ordinaria amministrazione, anche con persone inadatte al ruolo, per non arrecare ulteriori danni alla città e ai cittadini, badando alla sopravvivenza per gli ultimi due anni di sindacatura. Tra il non saper fare e il fare male - conclude Gulino - meglio non far nulla».