Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 857
RAGUSA - 14/04/2016
Politica - L’insofferenza del gruppo M5S nei confronti della giunta continua

Insieme shock: "Piccitto vattene"

L’opposizione non risparmia bordate Foto Corrierediragusa.it

Trasversalismo puro a Palazzo dell’Aquila e Insieme vuol mandare a casa il sindaco Federico Piccitto (foto). E’ successo ancora una volta per un ordine del giorno sul progetto «Io non Scado» sul recupero dei beni alimentari. L’ordine del giorno è stato votato dai consiglieri dell’opposizione e a loro si sono aggiunti anche tre consiglieri della maggioranza, Stevanato, Gulino e Leggio, che con il loro voto hanno consentito l’approvazione del documento. Gli altri consiglieri pentastellati si sono astenuti ma il segnale diretto all’amministrazione è stato ancora una volta sottinteso se non chiaro. L’insofferenza del gruppo M5S nei confronti della giunta continua per lo stato di assoluta incertezza con cui il sindaco Federico Piccitto guida la città. Il sindaco non è riuscito a risolvere il caso di due assessori mancanti in giunta che rendono zoppa l’amministrazione e il malessere monta. Molto critico il gruppo Insieme che in un documento scrive che «la maggioranza grillina si è disciolta come neve al sole e non esiste più. Il sindaco la smetta di cincischiare di far finta di nulla e assuma le decisioni conseguenti. Oggi la città è priva nella compagine amministrativa di un assessore alla cultura, allo spettacolo, allo sviluppo economico e ai servizi sociali e il sindaco nelle more della nomina ha avocato a sé tutte le deleghe. È ormai dimostrato che Piccitto non è in grado di fare il sindaco. Tolga il disturbo e restituisca Ragusa ai ragusani oppure inizi ad amministrare la nostra città ma senza arroganza e presunzione».