Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:09 - Lettori online 1712
RAGUSA - 31/03/2016
Politica - Si doveva esaminare l’articolo 48 del Prg

La seduta è sciolta, nulla di nuovo!

Tanta carne al fuoco e una stasi amministrativa che dura ormai da troppo tempo Foto Corrierediragusa.it

La seduta è sciolta. Nulla di nuovo a palazzo dell’Aquila dove ormai la situazione tra crisi politica e intoppi amministrativi rende il clima pesante. L’ultimo intoppo si è verificato in aula al momento di esaminare e modificare alcune norme del Piano regolatore tra cui il controverso articolo 48 con il quale la maggioranza vuole introdurre il divieto di effettuare attività estrattive nel territorio comunale. Una modifica che il Comitato Les (Lavoro Energia Sviluppo) ha definito penalizzante per tutta l’economia del territorio. Nonostante le attese dunque i consiglieri hanno dovuto prendere atto che il punto non poteva essere incardinato perché privo del relativo parere da parte della commissione competente. Ennesimo passo falso, indice di una approssimazione che testimonia lo stato di incertezza in cui navigano sindaco e assessori. Le opposizioni sono insorte ancora una volta, hanno accusato l’amministrazione di giocare con il fuoco penalizzando tutta la città. Elisa Marino ha affondato il colpo parlando di un sindaco «bluff» e elencando tutte le inadempienze di queste ultime settimane a cominciare dal mancato rispetto della parità di genere in giunta per la mancata sostituzione di Stefania Campo dopo le dimissioni da assessore alla Cultura. In tutto questo regna il silenzio del sindaco Federico Piccitto che non ha ritenuto di dovere informare il consiglio su quanto succede attorno alla sua amministrazione; dall’abbandono di Partecipiamo alle dimissioni di Salvatore Martorana da assessore, dagli attacchi all’assessore al Bilancio Stefano Martorana da parte degli stessi consiglieri pentastellati che ne chiedono la testa al ritardo incomprensibile nella sostituzione della Campo dopo quattro mesi. Tanta carne al fuoco e una stasi amministrativa che dura ormai da troppo tempo con rinvii e abbandoni prematuri.