Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 741
RAGUSA - 22/02/2016
Politica - Iniziativa dei consiglieri comunali D’Asta e Chiavola

Interrogazione sulla pista ciclabile di Marina di Ragusa

Chiesti numerosi chiarimenti sullo stato dell’opera Foto Corrierediragusa.it

I consiglieri comunali del Pd di Ragusa tornano ad occuparsi della pista ciclabile di Marina di Ragusa. Si tratta di un’opera che, avendo una importanza relativa per tutti i visitatori della frazione ma, soprattutto, per quanti risiedono in zona durante la stagione invernale e quella estiva, è opportuno che possa contare su un chiarimento, con la massima attenzione, su tutti gli aspetti che la riguardano. «Abbiamo preso atto – dicono i consiglieri democratici Mario D’Asta e Mario Chiavola (da sx nella foto) – che l’Amministrazione ha dichiarato che ad aprile ha intenzione di avviare i lavori di consolidamento e di miglioramento di tale opera. Ma noi ci chiediamo: quando finiranno i lavori e, in particolare, in cosa consistono e come saranno spesi, nel dettaglio, 200mila euro?». Questo e altri interrogativi saranno contenuti in un atto ispettivo che D’Asta e Chiavola stanno predisponendo e che sottoporranno all’attenzione dell’aula. «Chiederemo, inoltre – aggiungono – se è stata rivisitata la viabilità interna nelle frazioni di Punta di Mola e Santa Barbara e quali le misure che saranno adottate per salvaguardare i residenti con gli accessi sul lungomare Bisani, residenti che si vedono costretti a compiere il giro dal porto turistico per raggiungere le loro case». Ma non solo di pista ciclabile si occuperà l’interrogazione. Infatti, con riferimento sempre alla stessa zona, i due consiglieri chiedono di sapere quali provvedimenti saranno predisposti per la spiaggia e se sarà bonificata l’area demaniale antistante gli scogli. «Inoltre – continuano D’Asta e Chiavola – raccogliendo le segnalazioni che arrivano dai residenti, chiediamo all’Amministrazione comunale se saranno tolti i cassonetti in via Perugia visto che nessuno si preoccupa di pulirli e lavarli e quindi il fetore, anche a causa del caldo, risulta essere insopportabile. Ma non solo. Saranno ripristinati i pali della luce in via Perugia, all’angolo con via Bisani, che non funzionano da tre anni? Ecco sono tutti questi gli interrogativi su cui ci aspettiamo una risposta da parte dell’Amministrazione comunale».