Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 866
RAGUSA - 15/02/2016
Politica - L’amministrazione Piccitto non ha preso per niente bene questa faccenda

Crea scompiglio e dibattito nel territorio ibleo emendamento Dipasquale sui fondi delle royalties petrolifere a tutti i comuni

L’ex sindaco naturalmente rivendica il fatto che è stato proprio lui a volere le trivelle Foto Corrierediragusa.it

Nello Dipasquale ha seminato il "panico" con il suo emendamento sulla ripartizione delle royalties. Una vicenda che scompagina le carte in tavola e crea scompiglio e dibattito. Due le domande sempre più ricorrenti oggi nel mondo politico ragusano. La prima riguarda la sfera politica dell´ex sindaco di Ragusa e la seconda un ambito più ampio, ovvero la sottile, ma non tanto segreta, battaglia che il Pd combatte con il M5S. L´emendamento Dipasquale va a colpire infatti due amministrazioni su tre guidate dai pentastellati e sicuramente le più importanti. Si tratta di Ragusa dove l´Eni garantisce 30 milioni l´anno circa di royalties e di Gela dove in cassa arrivano quasi 13 milioni extra. A Bronte, 5 milioni di entrate, c´è invece un sindaco di centrosinistra. La manovra politica, pare ispirata dallo stesso Crocetta, è quella di colpire nel vivo le amministrazioni mettendole in difficoltà nei confronti del loro elettorato e soprattutto distribuendo soldi sul territorio in modo che la Regione risparmi per i servizi sociali e il precariato. Dipasquale, che di Crocetta è compagno di cordata politico della prima ora con il suo Megafono, ha colto la palla al balzo e non si è fatto pregare, anche perchè, e questo è il secondo punto, deve pensare alle prossime elezioni. Modica insieme a Scicli sono le due città Unesco ad essere più premiate dalla redistribuzione delle royalties e quindi potrebbero essere grazie a questa manovra ad ampio spettro delle buone riserve di voti per la riconferma di Dipasquale. L´ex sindaco naturalmente rivendica il fatto che è stato proprio lui a volere le trivelle nel territorio ragusano e c´è già chi lo accusa apertamente di aver "tradito" la sua Ragusa con questo emendamento che scompagina le carte in tavola. Un emendamento che l´amministrazione Piccitto, non a caso, non ha affatto gradito.


estrazioni
15/02/2016 | 16.38.33
eldiablo

Se con questa sparata Dipasquale crede di "estrarre" dai pozzi anche voti per la sua rielezione ha fatto male i suoi conti.