Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1374
RAGUSA - 30/01/2016
Politica - La situazione sta sfiorando il ridicolo

Ma questa crisi politica a Ragusa è finita oppure no?

Sulla graticola il sindaco Piccitto e l’assessore Stefano Martorana Foto Corrierediragusa.it

Tutto risolto, avevano detto i maggiorenti nazionale del M5S. Non è proprio così perchè anche nell´ultima seduta del consiglio comunale il caso si è ripetuto. Il gruppo consiliare pentastellato si è fermato a tredici presenze ed ha costretto il presidente ad aggiornare l´inizio dei lavori. Poi tutti in riunione, discussione in sala Giunta e ritorno in aula. Un altro segnale preciso al sindaco Federico Piccitto che cerca di fare di tutto per tenere unire gruppo ed amministrazione perchè il caso Ragusa non esploda. Non vogliono che succeda così nè a Roma nè a Palermo perchè Ragusa è per il momento è sotto osservaizone da parte del mondo politco e della pubblica opinione dopo i casi di Gela, Livorno e Quarto e il M5S non può permettersi un quarto inciampato. Piccitto dal suo canto non riesce ancora risolvere i due casi più spinosi che causano l´irrigidimento del gruppo. Innanzitutto la sostituzione, o il reintegro, di Stefania Campo. L´assessorato alla Cultura è libera ed è molto appetito. Il gruppo è per una nomina dal basso, il sindaco vuole fare la sua strada in autonomia e in attesa di dirimere la questione si resta in fase di stallo. Altro caso è quello di Stefano Martorana. "Non abbiamo bisogno di un secondo sindaco" ha detto qualche consigliere pentastellato a denti stretti parlando dell´assessore al bilancio. Martorana è sempre più indigesto, la sua rigidità non va giù così come le sue decisioni in tema di programmazione economica. Piccitto non vuole farlo fuori e la porta per le lunghe. Il risultato? Il semi ammutinamento del gruppo che può trasformarsi in rivolta con buona pace di De Maio, Cancelleri e Di Battista.


I detentori del potere litigano ed i cittadini pagano le tasse
31/01/2016 | 10.56.04
Carnesala

...mentre questi signori sono intenti ad accoltellarsi ed a non farsi accoltellare in una faida tutta interna alla compagine che detiene il potere politico, vi posso assicurare che ai cittadini-contribuenti ragusani, tutto questo interessa poco o affatto. Io desidero e visto che pago le tasse, pretendo, un´amministrazione efficiente e non coì onerosa. le loro beghe se le risolvessero all´interno dei loro meetup...