Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1385
RAGUSA - 26/01/2016
Politica - L’iniziativa è durata un mese

Ben 4 mila 500 firme contro tassazione

Sviluppate delle proposte vere e proprie in termini di riduzione della tassazione Foto Corrierediragusa.it

Laboratorio 2.0 ha raccolto 4 mila 500 firme contro la tassazione eccessiva a Ragusa. Un´iniziativa è durata un mese e ha visto impegnati i rappresentanti del movimento di cui fanno parte i consiglieri Sonia Migliore, Manuela Nicita e Claudio Castilletti. La mozione di indirizzo che il movimento ha redatto sarà presentata in consiglio comunale perchè l´amministrazione prenda atto del disagio serpeggiante in città. Il laboratorio è critico con il sindaco e soprattutto con l´assessore al bilancio Stefano Martorana, non condividendo le modalità di utilizzo di circa 48 milioni di euro di royalties entrate in due anni nelle casse comunali. Dice Sonia Migliore: "Ci siamo fermati con questo numero di firme perché si sta predisponendo il nuovo bilancio di previsione ed abbiamo quindi elaborato quest’atto di indirizzo nel quale sviluppiamo delle proposte vere e proprie in termini di riduzione della tassazione". Nella mozione sono state elaborate alcune proposte e il movimento ha elaborato una simulazione di rettifica della politica economica della giunta Piccitto prendendo a misura una famiglia di quattro persone che tra Tari, Tasi e Imu ha pagato oltre mille euro di tasse comunali.

La proposta è di riportare l’Imu per la seconda casa dal 9 per mille al 7,6 per mille con una riduzione di circa 2 milioni e mezzo di gettito l’anno; di ridurre l’aliquota della Tasi per la seconda casa, perché il governo si è già espresso per l’abolizione della Tasi per la prima casa, dal 2,5 per mille all’1 per mille con una riduzione di circa 4 milioni di euro di gettito l’anno; di ricondurre la copertura della Tari, che attualmente in bilancio registra una copertura del 103% quando dovrebbe essere del 100%, registrando quindi un utile del 3%, che ammonta a 450 mila euro. In totale una riduzione di quasi sette milioni di tassazione , che è l´avanzo di amministrazione previsto.