Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 852
RAGUSA - 01/12/2015
Politica - Il presidente del Consiglio dopo l’occupazione dell’aula da parte dei lavoratori

Iacono: "Protesta netturbini in aula inquietante"

Sindacati e lavoratori chiedono garanzie sul loro futuro alla luce del nuovo appalto Foto Corrierediragusa.it

"Un fatto gravissimo ed inquietante che ha impedito il libero e regolare svolgimento del consiglio comunale". Il presidente Giovanni Iacono non usa mezzi termini in riferimento alla tumultuosa seduta del consiglio dove si sono verificati episodi di intolleranza da parte dei lavoratori del servizio igiene pubblica. Sono stati momenti difficili tanto da indurre il presidente del Consiglio, Giovanni Iacono, a sospendere i lavori mentre le forze del´ordine hanno cercato di calmare gli animi (foto). La protesta, annunciata, ha riguardato il nuovo bando per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti che il Consiglio si appresta ad approvare per passare poi gli atti all´Urega. Punto nodale e scatenante della protesta la mancata garanzia nel bando di gara della continuità del servizio per i netturbini attualmente in servizio.

Sindacati e lavoratori chiedono l´automatico passaggio alla ditta subentrante ma nel bando per questioni di eventuali contenziosi questa clausola, almeno i modo esplicito non è prevista. Il bando prevede invece una clausola di salvaguardia, con priorità di assunzione per gli attuali lavoratori, ma non il passaggio automatico. La mancata concertazione tra l´amministrazione e i sindacati è stato altro elemento che ha fatto saltare gli argini creando una situazione incandescente ma lentamente rientrata. I lavoratori restano tuttavia in agitazione e i sindacati premono perchè sia fissata la dotazione organica prima che il bado sia presentato all´Urega che dovrà avviare le procedure per la gara.

Il presidente del Consiglio ha rincarato la dose nei confronti di chi si è reso responsabile: "Sono stati atti inqualificabili ad opera di soggetti noti per i quali, acquisite le immagini e testimonianze, devono essere espletate tutte le procedure previste per l’accertamento di eventuali casi di reato. Mi adopererò affinché ogni Consigliere Comunale possa, nel più breve tempo possibile, esperire il suo ruolo con serenità e in sicurezza, senza alcun condizionamento. I lavoratori della ditta che attualmente gestisce il servizio di igiene urbana abbiano le corrette informazioni e stiano tranquilli perché il capitolato speciale prevede già, in ossequio alle norme vigenti, le clausole di salvaguardia e già ieri mi ero, personalmente, impegnato a ricercare , se dovesse servire, ulteriori strumenti rafforzativi della clausola stessa. Posso rassicurare anche i cittadini di Ragusa che, piaccia o non piaccia a qualcuno, gli atti per la gara del nuovo servizio di igiene urbana saranno espletati prestissimo dal Consiglio Comunale che svolge il proprio ruolo senza farsi intimorire da nessuno, nell’interesse del bene comune e generale e non certo perseguendo interessi di parte e particolaristici".

Sonia Migliore è intervenuta sul caso parlando di "profonda inadeguatezza a governare della Giunta Piccitto e della sua maggioranza. Era chiaro che non inserire la clausola sociale per la salvaguardia dei posti di lavoro nel capitolato della nuova gara per i rifiuti avrebbe creato la "rivolta sociale" dei lavoratori della ditta Busso che vivono nell´angoscia di poter perdere il lavoro. La mancata accortezza nel procedere, in via prioritaria, alla concertazione sindacale prevista dal decreto regionale di approvazione e dal Commissario della SRR, ha dimostrato non solo quanto i 5 Stelle sono approssimativi negli atti amministrativi, ma sopratutto quanto sono insensibili alle problematiche della classe operaia e del lavoro in generale".