Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1234
RAGUSA - 30/10/2015
Politica - Nota congiunta dei consiglieri Migliore, Lo Destro e Tumino

A Ragusa il piano spiagge è stato buttato a mare!

"Ancora una volta il Movimento 5 Stelle si chiude a riccio rispetto alle proposte dell’opposizione" Foto Corrierediragusa.it

E´ proprio il caso di dirlo: a Ragusa il piano spiagge è stato buttato a mare! Fuor di metafora è il sunto del comunicato congiunto di Sonia Migliore del Laboratorio politico 2.0, nonchè di Maurizio Tumino e Giuseppe Lo Destro di Forza Italia (foto). Secondo i tre consiglieri "Ancora una volta il Movimento 5 Stelle si chiude a riccio rispetto alle proposte dell´opposizione e invece di mettere mano al Piano spiagge preparato nel 2009 dalla precedente amministrazione, del quale li città attende da sei anni l´approvazione dalla regione, modificandolo con i correttivi che avrebbero preferito, i pentastellati decidono di ricominciare tutto da capo. Non solo: così facendo, a parer nostro, sono stati commessi degli errori madornali in termini di pianificazione.Per esempio, le aree da destinare ai cani di affezione, obbligatorie per legge, risultano allocate in aree private. I consiglieri di maggioranza e l´amministrazione non hanno voluto prendere in esame, bocciandolo del tutto, un nostro emendamento che prevedeva l´adozione di norme transitorie previste per legge: cioè, considerato che l´iter di approvazione dei Piano da parte degli organismo regionali competenti è molto lungo, i Comuni sono tenuti al rilascio di nuove concessioni demaniali marittime sempre che le richieste siano rispettose delle linee guida e sempre che il concessionario si impegni a smontare le strutture realizzate nel caso, all´approvazione del Piano, siano in contrasto con quanto previsto dallo strumento. Questa decisione in particolare porterà l´amministrazione a sbattere contro un muro e non ci stupiremo se le organizzazioni di categoria presenteranno un ricorso per eccepire la correttezza amministrativa di quanto prodotto dalla giunta.

Siamo sicuri - concludono i tre consiglieri - che anche questa volta avremo ragione e le prese di posizione del M5S, che rifiuta a priori di confrontarsi con i nostri suggerimenti, continueranno a far perdere tempo rispetto a temi che potrebbero essere di più facile approccio se affrontati con buon senso".