Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 869
RAGUSA - 08/10/2015
Politica - E’ trapelato il parere dei revisori dei conti

Denuncia su bilancio previsione emendato

Presentati dalle opposizioni 60 emendamenti Foto Corrierediragusa.it

Il bilancio è arrivato in aula in consiglio comunale ma per l´approvazione bisognerà attendere la prossima settimana. Ci sono stati ben 60 emendamenti presentati dalle opposizioni ed un maxi emendamento da parte della stessa maggioranza per "riparare" alcune discrasie che erano emerse in sede di redazione dell´atto, fatte puntualmente emergere dall´Udc. L´assessore Salvatore Corallo ha difeso l´impalcatura del bilancio parlando nel suo intervento di stipendi e servizi che saranno assicurati e di una importante progettualità per la città e ha ricordato all´aula i 600 mila euro che per i prossimi 30 anni si dovranno pagare ogni anno per coprire debiti pregressi. Il capogruppo Udc, Sonia Migliore (foto), è stata molto dura con l´amministrazione sia per la bocciatura da parte della maggioranza di due documenti sulla Tasi e sul Regolamento sulla tassa di soggiorno. La Migliore è entrata poi nel merito del bilancio evidenziando il disallineamento tra l´atto e il piano triennale delle opere pubbliche. Rilievi colti dalla maggioranza che correrà ai ripari con un maxi emendamento definito "riparatore" dalle opposizioni. Per la Migliore il bilancio, così come è stato presentato, è "approssimativo e confuso". Inoltre sarà sporta denuncia alle forze dell´ordine perchè "Ancora una volta - dice la Migliore - è accaduto che qualcuno è entrato in possesso di importanti documenti del comune di Ragusa prima che questi venissero ufficialmente consegnati al protocollo dell´Ente: faremo una denuncia alle forze dell´ordine".

La Migliore si riferisce al parere del collegio dei revisori dei conti al bilancio di previsione del comune di Ragusa, depositato al protocollo dell´ente lunedì mattina, ma già in possesso di qualcuno che non doveva averlo. "Non si tratta di un episodio isolato, anzi – racconta Migliore – c´è una certa recidività in questo atteggiamento che rappresenta, oltre a una ovvia scorrettezza politica, anche una palese violazione di norme di legge".

Le opposizioni non hanno risparmiato critiche anche per l´aumento delle tasse e l´aumento della spesa per il personale. Il capogruppo Pd, Giorgio Massari, ha fatto emergere la contraddizione sulla Tasi, cancellata nel 2014 e reintrodotta con un manovra che porterà ben 7 milioni nelle casse comunali a tutto danno dei bilanci familiari a causa dell´aliquota massima applicata. Amministrazione sotto tiro dunque e Carmelo Ialacqua ha scelto un insolito modo per manifestare il suo dissenso. Il consigliere si è alzato ed è rimasto in silenzio in piedi per l´intero arco di tempo concesso per ogni singolo intervento.

«Oltre sessanta gli emendamenti che abbiamo presentato al bilancio di previsione che è stato approvato dalla giunta e nella seduta di mercoledì portato in consiglio comunale a Ragusa. Uno strumento di programmazione privo di prospettiva, arido nella forma e sin troppo essenziale nei contenuti». E´ il giudizio unanime espresso dai consiglieri del gruppo di Forza Italia Maurizio Tumino, Giuseppe Lo Destro e Giorgio Mirabella che non hanno esitato, come annunciato nelle precedenti settimane, a proporre dei correttivi con la presentazione di oltre sessanta emendamenti su cui adesso si attendere il parere di legittimità da parte del collegio dei revisori dei conti. «Ciò che temevamo si è anche in questo caso puntualmente concretizzato - hanno tuonato i tre consiglieri di Forza Italia – Lo strumento di previsione finanziaria che la giunta ha presentato, su cui rimangono in piedi tutte le perplessità rispetto le procedure seguite, è carente. Due le direttrici fondamentali che ci hanno indotto ad esprimere questo giudizio. Innanzitutto sono stati tagliati oltre due milioni e mezzo di euro ai servizi sociali e sono stati introdotti ben 21 milioni di euro di nuove tasse per i cittadini ragusani. Governare in questo modo è assurdo e soprattutto ben distante dalla linea con cui il Movimento Cinque Stelle si è presentato alla cittadinanza.

Far quadrare i conti – proseguono i consiglieri Tumino, Lo Destro e Mirabella – aumentando in modo spropositato la tassazione, è un´azione spropositata ma soprattutto poco attenta alle vere esigenze della comunità. Ragion per cui abbiamo assunto l´onere di formulare oltre sessanta emendamenti - hanno concluso - quali correttivi all´atto presentato dalla giunta affinché si riequilibri il tutto, partendo proprio dai bisogni".