Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 681
RAGUSA - 29/09/2015
Politica - Allibiti i consiglieri di Forza Italia

Bilancio senza pareri dei revisori. Si slitta

Per i 3 consiglieri azzurri "La giunta deve assumersi le sue responsabilità" Foto Corrierediragusa.it

Slitta alla prossima settimana il voto sul bilancio preventivo 2015. La decisione è stata presa dal presidente del consiglio Giovanni Iacono per la mancanza dei pareri che dovevano essere espressi dal collegio dei revisori dei conti. Non ci dovrebbero essere, comunque, problemi per lo sforamento e non dovrebbe materializzarsi lo spettro del commissariamento. Si dà infatti per certa la proroga dei termini da parte del Ministero degli Interni e quindi il consiglio potrà operare in "sicurezza". Il presidente Iacono ha spiegato il perchè del mancato invio del parere: "E´ stato a causa delle mole di lavoro da parte del Collegio che in un paio di giorni dovrebbe fornire il parere". L´assessore al Bilancio, Stefano Martorana, è stato al centro delle polemiche da parte delle opposizioni ma si è chiamato fuori: "La giunta ha approvato l´atto il 18 settembre, i revisori hanno 10 giorni di tempo per esprimere il parere ma non è stato ancora fatto. Non vedo quale responsabilità abbia in questo caso l´amministrazione".

Critici i consiglieri di Forza Italia Maurizio Tumino, Giuseppe Lo Destro e Giorgio Mirabella: "E´ paradossale che a ridosso del termine ultimo di presentazione dell’atto in consiglio comunale, questa giunta salti l’appuntamento sulla discussione dell’atto più importante che va a qualificare l’azione di un’amministrazione. A questo aggiungiamo che l’approssimazione e la pochezza in ordine ad eventuali giustificazioni su tale slittamento, si commentano da sole. Esiste una scadenza per legge, e la giunta grillina la sta bypassando, mettendo noi consiglieri nelle condizioni di non conoscere il bilancio di previsione. Ciò comporterà di dover studiare gli incartamenti in tempi record, senza peraltro (data la ristrettezza dei tempi di trattazione) poter seguire il normale iter di discussione in modo propedeutico nelle commissioni consiliari di pertinenza".