Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 715
RAGUSA - 25/09/2015
Politica - Il consigliere parla di "Autentica scalata ai vertici"

Morando denuncia: "Giunta pigliatutto"

"Certo – aggiunge Morando – ci sarebbe da chiedersi quale sia il fine di tutto ciò" Foto Corrierediragusa.it

«Nel gioco dell’asso pigliatutto che la maggioranza grillina sta portando avanti dopo le modifiche dello statuto consiliare, con l’accaparramento delle presidenze di quasi tutte le commissioni (a quanto pare sarà risparmiata solo quella del collega Ialacqua), c’è un aspetto politico che è doveroso sottolineare: l’assunzione di piena responsabilità su tutte le procedure che riguardano i meccanismi operativi a palazzo dell’Aquila. Da questo momento in poi, in pratica, i grillini non avranno più alibi alcuno, non potranno accampare scuse di nessun tipo. Tutto quello che accadrà, o non accadrà, a Ragusa, dal punto di vista amministrativo, sarà frutto della loro azione». E’ quanto afferma il presidente, fino a questa mattina, della commissione Affari generali del Comune, il consigliere Gianluca Morando (foto), dopo quella che lo stesso Morando definisce "La scalata ai vertici degli organismi consiliari da parte della maggioranza pentastellata". «Certo – aggiunge Morando – ci sarebbe da chiedersi quale sia il fine di tutto ciò. E c’è da sperare, inoltre, che le nuove commissioni a trazione grillina non si comportino come quelle di cui detenevano già la presidenza, possedendo queste ultime il più alto indice di inoperosità rispetto alle altre. Speriamo che i neopresidenti M5S favoriscano l’attività consiliare, così come abbiamo cercato di fare noi, e non paralizzino tutto e tutti.

Il Comune di Ragusa ha bisogno di fare trionfare la politica, nell’accezione più elevata del termine, e non di farla naufragare come, invece, stanno cercando di fare, anche nella nostra città - conclude Morando - gli esponenti del partito di Grillo».