Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 577
RAGUSA - 10/08/2015
Politica - L’intervento dell’ex capogruppo e segretario cittadino fa discutere

Peppe Calabrese a testa bassa su giunta Ragusa

Tasse, Piano regolatore, utilizzo delle royalties sono alcuni dei temi sensibili Foto Corrierediragusa.it

Un giudizio complessivo sull’operato della Giunta Piccitto e gli ultimi due anni di amministrazione. Peppe Calabrese (nella foto) nella sua qualità di dirigente regionale del Pd, ma anche per le suue esperienze passate di capogruppo e segretario cittadino ha detto la sua e lancia bordate a sindaco e maggioranza, Calabrese apre con le tasse: "In appena due anni Piccitto e la sua maggioranza hanno vessato i ragusani con aumenti per circa 20 milioni di euro di nuove tasse e dice la sua sulle royalties che devono servire a far quadrare i conti in dissesto.

"Il bilancio dell’attività è sicuramente negativo e a tratti perfino dannoso per la città: l‘impianto di compostaggio, rimane fermo, i la perdita della bandiera blu, La pista ciclabile di Marina viene giudicata una buona idea, ma va rivista e poi il blocco del progetto faraonico per il recupero del Teatro La Concordia. Il Piano regolatore inoltre«andrebbe rivisto urgentemente e rivisitato, apportando le dovute modifiche a partire dagli annunci che questa maggioranza aveva propagandato in materia di aree Peep, ovvero la rivisitazione del perimetro e la conseguente riduzione delle stesse aree». Drastica la conclusione: Abbiamo taciuto per due anni, adesso non possiamo più farlo, perché abbiamo a cuore le sorti della nostra amata città, oggi moribonda , per via di una anomala maggioranza di governo locale inadeguata, che avrebbe dovuto rappresentare una speranza di cambiamento in positivo e di rivincita dopo anni di centrodestra e invece si è rilevata inutile, sbagliata e a tratti dannosa».