Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1022
RAGUSA - 01/08/2015
Politica - Vogliono vederci chiaro i consiglieri D’Asta e Chiavola

Non convince bando ricerca funzionario a Ragusa

Si graverebbe troppo sul bilancio comunale Foto Corrierediragusa.it

Il bando per la ricerca di un funzionario per l´Ufficio Tributi non convince Mario D´Asta e Mario Chiavola (foto). I due consiglieri Pd vedono infatti confermati tutti i loro dubbi sul "vizietto" dell´amministrazione Piccitto che, nonostante i buoni propositi, continua ad assumere funzionari apicali gravando così sul bilancio comunale. Dicono i due consiglieri Pd: "La tanto decantata azione di riduzione delle spese della macchina comunale è stato uno specchietto per le allodole. E lo dimostra l’ennesima selezione pubblica per un posto di dirigente da destinare al settore Tributi. Il guaio è che questo atteggiamento assume contorni vessatori nei confronti dei cittadini i quali, anche per coprire queste spese, si vedranno costretti a pagare ulteriori tasse. Ma stiamo scherzando? Altro che rivoluzione grillina. Fronteggiamo, piuttosto, un becero modo di fare politica che niente risparmia e che, anzi, peggio di chi il Movimento 5 Stelle dice di criticare, sta attuando politiche onerose e in qualche caso di clientela che nulla hanno a che fare con quel tanto decantato palazzo di vetro e quindi trasparente per cui l’attuale amministrazione avrebbe voluto caratterizzarsi. Purtroppo, la situazione rischia di sfuggire di mano. Non esiste un minimo di strategia anche per la gestione di queste situazioni.

La preoccupazione principale risiede nel fatto che corrispondere un altro megastipendio a un dirigente comunale significherà fare sostenere spese più consistenti all’ente di palazzo dell’Aquila. Ancora una volta ci muoviamo sui binari dell’incertezza e dell’approssimazione. Stavolta, a danno diretto delle tasche dei ragusani».