Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 947
RAGUSA - 13/07/2015
Politica - Per formare il collegio elettorale n° 9

L´Italicum riunisce le 2 ex province di Ragusa e Siracusa

I 310 mila mila abitanti dei 12 comuni iblei sono stati riuniti con i comuni Siracusani ad eccezione di Francofonte, Lentini e Carlentini che andranno con Catania Foto Corrierediragusa.it

Ragusa e Siracusa insieme. L´Italicum riunisce le due ex province per formare il collegio elettorale n° 9. I 310 mila mila abitanti dei 12 comuni iblei sono stati riuniti con i comuni Siracusani ad eccezione di Francofonte, Lentini e Carlentini che andranno con Catania. Sono queste alcune delle tante novità introdotte con la nuova legge elettorale che ridetermina le circoscrizioni. In Sicilia i collegi saranno in tutto nove. Palermo è divisa in due collegi, dei quali uno con Capaci e altri Comuni. Il collegio 2 è della provincia di Trapani, con Partinico e Balestrate. La Provincia di Messina e quella di Agrigento, per intero, formano il collegio 4 e 5. Caltanissetta ed Enna, insieme, fanno il collegio 6. Catania e mezza provincia fanno il collegio 7. L’altra mezza provincia insieme a mezza provincia di Siracusa fanno il collegio 8. La restante parte della provincia di Siracusa e Ragusa fanno il collegio 9.

La suddivisione è stata elaborata con un criterio territoriale e numerico: ogni collegio è omogeneo geograficamente (il più possibile mantenendo i confini delle province), con una media di abitanti di 582mila per collegio. Per Ragusa e il territorio ibleo diventerà così più difficile eleggere un proprio rappresentante in Parlamento e certamente richiederà più sforzi ai candidati iblei che dovranno proiettarsi anche nel siracusano.L’Italicum vale solo per la Camera, in vista delle riforme costituzionali che porteranno il Senato a non essere più direttamente elettivo. Per avere il tempo di approvare quest’ultima riforma, nell’Italicum è stata inserita una clausola che ne prevede l’entrata in vigore dal primo luglio del 2016. L’Italicum è un sistema elettorale proporzionale – il numero di seggi verrà assegnato in proporzione al numero di voti ricevuti – e il calcolo sarà fatto su base nazionale, ma modificato fortemente da un premio di maggioranza.