Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1484
RAGUSA - 04/06/2015
Politica - Con il nuovo statuto

Muta la geografia politica in consiglio comunale a Ragusa

Le modifiche più consistenti sono quelle che interessano la minoranza Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo regolamento del consiglio comunale, introdotto con il nuovo statuto, ha portato la rideterminazione dei gruppi consiliari a palazzo dell´Aquila. Per effetto della semplificazione introdotta dalla maggioranza pentastellata i gruppi passano da undici a sette. Si può dunque parlare di una vera e propria nuova geografia dell´aula che ha l´obiettivo di semplificare, accelerare i lavori e fa soprattutto risparmiare. Maurizio Stevanato (M5S), che ha proposto le modifiche, parla di " un risparmio economico dell’ente che inizierà a stanziare meno gettoni di presenza in commissione e meno permessi lavorativi sia nei confronti di enti pubblici che privati». Per Carmelo Ialacqua la riduzione dei costi si attesta sul 30 per cento anche perchè le commissioni, ben 17, saranno ridotte.

Le modifiche più consistenti sono quelle che interessano la minoranza perchè M5S, Partecipiamo non subiscono cambiamenti. Insieme a loro anche il Pd visto che per costituire un gruppo bisogna almeno contare su due consiglieri. E´ ritornato il gruppo di Forza Italia rappresentato da Maurizio Tumino, Giuseppe Lo Destro e Giorgio Mirabella. L´Udc ha due donne, Sonia Migliore e Manuale Nicita, ex M5S. Il gruppo misto può contare su Elisa Marino, ex Ragusa domani, e Carmelo Ialacqua, ex Movimento città. L´ultimo schieramento è formato da Gianluca Morando del Movimento civico ibleo e Angelo Laporta (Territorio).