Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1247
RAGUSA - 20/04/2015
Politica - Auspicata la fine della "guerra" tra i circoli in città

Terzo circolo Pd, anche Giorgio Massari se ne va

Il capogruppo è molto critico con la gestione della segreteria Francone Foto Corrierediragusa.it

Anche Giorgio Massari (nella foto) se ne va. Il capogruppo Pd a palazzo dell´Aquila non ci sta ed acuisce una crisi sempre più evidenti nel partito in città come evidenziata dalle dimissioni prima di Alessandra Sgarlata e pochi giorni fa di Carmelo Anzaldo, Carmelo Boncoraglio e Vito D´Angelo. Una critica aperta alla gestione della segreteria Francone del terzo circolo "Rinascita democratica" da parte anche di Massari che è molto chiaro nella sua analisi: "Le recenti dimissioni dei quattro membri della segreteria del circolo Rinascita democratica, che fanno seguito a quelle di Elio Accardi dalla presidenza del circolo, mostrano quanto negativo sia il giudizio politico che viene dato alla gestione del segretario Francone. Non abbandono il circolo di cui , assieme ad Elio Accardi, sono stato l’ideatore , condividendone il progetto prima con l’amico Vito Piruzza e poi con il consigliere D’Asta.

Il circolo «Rinascita democratica» ha finora perso tutte le sfide per cui era nato: la sfida a realizzare uno spazio in cui la politica si connotasse come progetto contro il declino di Ragusa e non come arena in cui contendere spazi di micro potere ; la sfida agli indifferenti e ai diffidenti rispetto alla politica, attraverso il sostegno ad una partecipazione semplicemente democratica, non imbrigliata dai numeri delle tessere e dalle correnti; la sfida per una politica capace di produrre identità ed identificazione nel partito democratico, ma che invece ha prodotto distacco e allontanamento.

E’ necessaria una svolta sia nel circolo «rinascita democratica» che nel PD di Ragusa nelle sue varie articolazioni. Nel circolo la svolta passa attraverso l’azzeramento di tutti gli organismi e la ripresa di una fase di riprogettazione politica, coerente con le idee e i valori dichiarati nella sua fondazione.Ma credo che i tempi siano maturi perché i tre circoli del Partito Democratico di Ragusa, diano inizio ad una nuova stagione politica, assumendosi ciascuno le responsabilità del passato che non può essere rimosso né ignorato, ma piuttosto utilizzato come occasione per apprendere dagli errori e trovare le cause che hanno portato alla frammentazione, a tante defezioni e al fallimento in tutte le elezioni dal 2008 ad oggi".Massari fa ppoi appelloperchè le divisioni siano superatee si operi per il bene del Pd. "E’ l’ultima chiamata. Fallire significherà sancire l’inadeguatezza a pensare ed ad agire politicamente come partito locale", conclude il capogruppo.