Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1354
RAGUSA - 17/04/2015
Politica - Dopo l’addio di Alessandra Sgarlata

Terzo circolo Pd sfaldato: in 3 se ne vanno a Ragusa

Non mancano le accuse Foto Corrierediragusa.it

Il terzo circolo del Pd si sfalda e si apre una guerra strisciante tra i vari gruppi. Dopo l´addio di Alessandra Sgarlata sono in tre a lasciare il circolo "Rinascita Democratica". Si tratta di Carmelo Anzaldo, Carmelo Boncoraglio e Vito D´Angelo. E´ il gruppo più vicino al consigliere comunale Giorgio Massari che probabilmente ha voluto lanciare un messaggio ulteriore al circolo. I tre componenti della segreteria guidata da Tony Francone spiegano il perchè del loro abbandono: "Abbiamo constatato che sono venute a mancare le condizioni minime necessarie per poter contribuire a che il circolo da noi fondato possa essere fedele alle sue promesse e alle sue idee costituenti legate alle creazione di uno spazio libero da appartenenze a correnti e da prevaricazione personalistiche, in cui ogni iscritto potesse sentirsi semplicemente un "democratico" in una comunità di persone capaci di un confronto politico libero e rispettoso delle diversità di ognuno, teso alla ricerca di percorsi condivisi per il bene della nostra città".

Non mancano altre accuse: "Prendiamo atto che il segretario Tony Francone non è stato capace di custodire e valorizzare le risorse e le diversità umane, culturali, politiche presenti nella segreteria, nel coordinamento e nel circolo, rendendo il confronto interno difficile e sterile. E prendiamo atto che in un anno di segreteria Francone la proposta politica del circolo è stata sostanzialmente assente nel dibattito politico della città ed assolutamente inutile ad orientare l´azione amministrativa dei consiglieri comunali, come testimonia il fatto che in un anno nessun documento ufficiale a firma della segreteria è stato prodotto, se escludiamo qualche comunicato stampa in cui il nome del segretario era graziosamente associato a quello dei consiglieri".

Alla base del malessere dei tre dimissionari c´è anche l´ingresso degli uomini vicini a Nello Dipasquale, ormai renziano convinto, ed organico al partito. Con l´ingresso di Dipasquale nel terzo circolo è cambiata così l´identità del circolo che è stata sempre al di sopra dei vari gruppi.