Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 1031
RAGUSA - 09/04/2015
Politica - La denuncia del Pd con Mario D’Asta, Mario Chiavola e Giorgio Massari

Il sindaco di Ragusa assume 25 persone

Alla faccia della coerenza amministrativa e non solo Foto Corrierediragusa.it

L´amministrazione Piccitto vuole assumere 25 persone. Tre unità saranno dirigenti, così come si legge nel programma triennale delle assunzioni. Il Pd con Giorgio Massari, Mario D´Asta (da sx nella foto) e Mario Chiavola invoca un maggior senso di responsabilità da parte del sindaco perchè, come scrivono in una nota, "Non si può piangere miseria e poi predisporre il contenuto della delibera n.162 del 2 aprile scorso avente ad oggetto il programma triennale del fabbisogno del personale. Per quanto ne sappiamo - scrivono i consiglieri - questa condotta è da ritenere in piena violazione all’articolo 1 comma 424 della legge 190/2014, la cosiddetta legge di stabilità, che vieta le assunzioni per gli enti locali se non prioritariamente destinate alla ricollocazione del personale delle Province. Né, a tal riguardo, può invocarsi l’autonomia regionale in quanto sulla problematica è già intervenuta la Corte dei Conti che, con la delibera 119 del 2015, estende alla Regione Sicilia la piena vigenza delle norme nazionali trattandosi di norme di coordinamento della finanza pubblica.

Ci chiediamo, quindi, come il Comune di Ragusa, che, lo ribadiamo, lamenta tagli a destra e manca, abbia potuto predisporre un simile programma annuale di assunzioni come se non fosse minimamente intaccato dalle problematiche oggetto della rivendicazione. E’ indispensabile - concludono i consiglieri - la coerenza tra ciò che si dice e ciò che si fa e chiediamo dunque al sindaco di rimodulare la delibera in questione».