Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 820
RAGUSA - 18/03/2015
Politica - Meno trasferimenti da Stato e Regione per la spending review

Nove milioni in meno nelle casse del comune di Ragusa

L’amministrazione dovrà rifare i conti in sede di bilancio di previsione Foto Corrierediragusa.it

Meno nove milioni nelle casse di palazzo dell´Aquila (nella foto). E´ l´effetto dei tagli di Stato e Regione in nome della spending review. Al taglio infatti di 1,5 milioni operato dal Governo Nazionale a settembre dello scorso anno, si è unito quello di 1,7 milioni relativo al Fondo di Solidarietà Comunale. A questo vanno aggiunti i minori trasferimenti programmati per il 2015, e la necessità di abbattere almeno una parte dell´aliquota fissata per l´Imu Agricola al fine di scongiurare il disastro totale di un settore centrale dell´economia iblea. Non trascurabile anche il grande punto interrogativo legato ai trasferimenti regionali, vista la situazione di sostanziale default più volte anticipata, nei mesi scorsi, dall´assessore all´Economia Alessandro Baccei, testimoniata dall´assenza di certezze in un periodo centrale per la predisposizione dei bilanci comunali.

Una situazione critica che coinvolge molti comuni isolani che sono costretti così a recuperare le somme mancanti operando a loro volta tagli nei servizi o riducendo ulteriori spese per evitare la sospensione di servizi essenziali o l´insorgere di squilibri di bilancio». Dice l´assessore ai Lavori Pubblici Salvatore Corallo, che ha partecipato ai lavori dell´assemblea dell´Anci Sicilia: " I Comuni non ce la fanno più, soprattutto a causa dell´assenza di risorse economiche per garantire almeno i servizi essenziali». Intanto per il prossimo 21 aprile è prevista una mobilitazione generale degli Enti Locali con il coinvolgimento e l´informazione diretta dei cittadini, al fine di ampliare così la partecipazione alla protesta.