Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 636
RAGUSA - 02/02/2015
Politica - Adesioni del consigliere comunale Manuela Nicita, ex M5S, esponenti di Club Xiumè e Fratelli d’Italia

Il Laboratorio politico culturale 2.0 diventa più grande

Il movimento vuole dare il suo contributo in termini di idee e proposte per la crescita della città Foto Corrierediragusa.it

Il consigliere comunale Manuela Nicita, alcuni esponenti di Fratelli d’Italia, il Club Xiumé di Forza Italia, hanno ufficializzato il loro appoggio al Laboratorio politico culturale 2.0 nel corso di una conferenza stampa (nella foto). «Fare politica non era nei miei progetti di vita – ha detto Manuela Nicita – Il Movimento 5 stelle mi candidò, infatti, solo per rispettare le quote rosa. Con mia grande sorpresa, fui eletta. Sento il peso di questa responsabilità. Ben presto mi resi conto, però, che tutte le nostre buone intenzioni si infrangevano contro un certo modo di fare politica. Posso dire che all’interno del Movimento non c’è comunicazione, non c’è condivisione né dei programmi né delle azioni di governo. Se sei donna, tutto ciò, lo senti ancora di più".

Oltre a Nicita hanno aderito al Laboratorio anche Viviana Dinatale, Carmelo Sciara, Patrik Raniolo e Carmelo Occhipinti, di Fratelli d’Italia, Giovanni Criscione, come rappresentante del Club Xiumé di Forza di Italia, Alessandra Leonardi e Francesca Andolina. "Mi complimento con Manuela Nicita per la rettitudine d’animo e per il coraggio che ha dimostrato, prima, nell’abbandonare il M5S e, poi, nell’aderire al Laboratorio – ha dichiarato Sonia Migliore, portavoce in Consiglio del Lab. 2.0. - Sono lieta che ha compreso lo spirito genuino che anima il Laboratorio, che è un’associazione apartitica, fatta di donne e uomini che si spendono per la propria città. Questa scelta è un atto politico importante e straordinario, di solito, infatti, assistiamo a politici che trasmigrano nella coalizione di governo, solo per un calcolo utilitaristico. Qui, invece, assistiamo al percorso inverso".