Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 874
RAGUSA - 18/11/2014
Politica - L’opposizione all’attacco chiede la revoca del bando

Gestione integrata dei rifiuti "inquietante" a Ragusa

"Palesi discrasie e illegittimità sulle quali non è possibile sorvolare" Foto Corrierediragusa.it

Assolutamente "inquietante": così Sonia Migliore e gli altri suoi colleghi consiglieri d´opposizione Maurizio Tumino, Giorgio Mirabella e Mario Chiavola (foto) hanno bollato l’affidamento alla "Esper" di Torino dell’incarico di redigere il progetto per il nuovo servizio di gestione integrata dei rifiuti. Incarico affidato due settimane fa dal comune. I consiglieri chiedono che l’affidamento venga ritirato in quanto c’è un parere dell’Autorità anticorruzione che ritiene illegittima una parte del bando. "Anche questa volta – dichiarano i consiglieri d’opposizione – avevamo ragione e l’Anac ha ritenuto illegittima la procedura seguita dal Comune perché limita la partecipazione dei soggetti concorrenti». I quattro consiglieri si sono soprattutto appellati al parere espresso dall´Autorità nazionale anticorruzione (Anac) che ha ritenuto illegittima la procedura seguita dal Comune. Pur se è vero che il parere dell’Anac non è vincolante e l’Amministrazione può proseguire per la sua strada, come in effetti sta facendo, si sta esponendo, tuttavia, a un ricorso possibile delle imprese concorrenti che se si dovessero rivolgere alla giustizia amministrativa potrebbe trovare sostegno anche nel parere Anac.

«Occorre mettere un punto e cambiare rotta una volta per tutte – ripetono i consiglieri d’opposizione – non è più ammissibile o tollerabile questo modo di gestire la cosa pubblica, perché a pagarne le conseguenze sono sempre e solamente i cittadini». Al bando hanno partecipato quattro imprese che hanno presentato tutte un ribasso del venti per cento. I consiglieri dell´opposizione hanno anche sostenuto che sulla vicenda c´è da registrare l´interessamento della Procura.