Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 804
RAGUSA - 03/11/2014
Politica - Pesano i tagli della Legge di Stabilità nazionale che taglia i trasferimenti

Conti a posto a Ragusa ma meno risorse per i servizi

Rispettato il Patto di stabilità e confermati gli equilibri di Bilancio Foto Corrierediragusa.it

Il bilancio di previsione 2014 rispetta il Patto di stabilità. La giunta ha approvato l´atto riguardante le variazioni di bilancio ed ha confermato che queste sono coerenti con l´obiettivo programmatico del patto di stabilità interno e con il rispetto degli equilibri di bilancio 2014. Altro atto deliberativo è quello riguardante il pareggio dei conti per tutto l´anno in corso. Il provvedimento della Giunta stabilisce infatti che lo stato di attuazione dei programmi è conforme a quanto previsto nella relazione previsionale e programmatica al bilancio di previsione dell´esercizio finanziario in corso, come risulta dalle relazioni prodotte dai dirigenti di settore. Il sindaco Federico Piccitto ha messo in rilievo i tagli lineari operati dal governo nei confronti degli enti locali.

Dice il Sindaco Federico Piccitto: "Abbiamo dovuto prendere atto della riduzione inaspettata nei trasferimenti, per Ragusa, di €1.300.910,59 rispetto a quanto previsto nel Bilancio di Previsione 2014. Il taglio ha determinato la necessità, per l´Amministrazione, di proporre al Consiglio Comunale una variazione di bilancio al fine di scongiurare ulteriori criticità finanziarie. Abbiamo dovuto prevedere una corposa ed intollerabile variazione al ribasso delle entrate, cui consegue, di fatto, un brusco taglio alla spesa che riduce le somme destinate a servizi essenziali ed imprescindibili per il Comune. L´annunciata spending review contenuta nella Legge di Stabilità proposta dal governo peserà, ancora una volta, proprio sugli enti locali. Per il nostro Comune, che ha concretizzato, nell´ultimo anno, un´importante manovra di risanamento e riqualificazione della spesa, si tratterà dell´ennesima stangata. E´ molto facile annunciare i tagli alle tasse quando il conto lo pagano sempre gli enti locali, costretti a ridurre i servizi offerti ai cittadini, senza massicci interventi sugli enti sovraordinati, veri e propri campioni di sprechi ed inefficienze".