Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1211
RAGUSA - 01/08/2014
Politica - "Odissea" in consiglio comunale

Bilancio comunale Ragusa: al via la lunga maratona

Solo qualche emendamento dei 214 presentati è stato preso in esame Foto Corrierediragusa.it

E´ cominciata la lunga maratona del consiglio comunale per esaminare il Bilancio 2014. Solo qualche emendamento dei 214 presentati è stato preso in esame ma è chiaro, come ha rilevato il presidente del consiglio, Giovanni Iacono, che se si dovesse procedere con questo andamento il consiglio dovrebbe restare in aula per tutto il mese e rinunciare alle vacanze. La contrapposizione tra il M5S e le opposizioni è apparsa subito palese ed anzi si è acuita nel momento in cui la maggioranza pentastellata in piena notte ha fatto mancare il numero legale obbligando il presidente a rinviare la seduta. E´ stato un ulteriore motivo di polemica con l´opposizione a rilanciare e richiamare i modo duro la maggioranza alle sue responsabilità nei confronti della città, invece di darsi alla fuga. Un passo falso del M5S che non facilita di certo l´andamento dei lavori. Il nodo più intricato, come già era emerso dalle dichiarazioni di Carmelo Ialacqua del Movimento Città, è la destinazione e l´utilizzo dei quasi 15 milioni di royalties sui quali l´amministrazione può contare per il bilancio. Ialacqua e le opposizioni insistono perchè le somme disponibili siano destinate allo sviluppo. Per Sonia Migliore (Udc): "La Giunta Piccitto ha presentato un bilancio falso, raffazzonato ed inconsistente, che sperpera i 15 milioni di euro delle royalties per sanare i conti del Comune.

Quei 15 milioni erano un´opportunità unica per rilanciare l´economia ragusana. Le tasse sono aumentate di 11,4 milioni di euro, mentre la spesa pubblica è cresciuta di 6 milioni, pareggiata poi con 6 milioni provenienti dalle royalties. Hanno sottostimato l´Imu creando un ammanco di 2,5 milioni di euro, coperti anch´essi con le royalties. In compenso hanno aumentano di 1,4 milioni di euro la Tari (ex Tares), di contro si vantano di quell´elemosina di appena 2 milioni della Tasi". La seduta è stata aggiornata ma si prevedono tempi lunghi a meno di un accordo sul metodo di lavoro tra i vari gruppi politici e soprattutto il ritiro della gran parte degli emendamenti.