Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 927
RAGUSA - 22/05/2014
Politica - Il clima di sfiducia nell’elettorato è palpabile

Europee: incognita astensionismo

I partiti non hanno fatto molto per incentivare la partecipazione al voto Foto Corrierediragusa.it

Domenica si vota per le Europee ed ilrischio vero è l´astensionismo. E´ l´ottava volta dal 1979 che si vota per l´elezione del Parlamento europeo e per la prima volta voteranno anche i cittadini della Croazia. I partiti ed i candidati hanno premuto sull´acceleratore solo in questi ultimi giorni per presentare candidati e programmi perchè secondo un sondaggio svolto prima che calasse il black out appena il 61 per cento degli elettori appare propenso a recarsi alle urne per le Elezioni Europee: una percentuale di quasi 15 punti inferiore rispetto alle Politiche del febbraio 2013.

«Secondo la nostra stima – afferma il direttore dall’Istituto Demopolis Pietro Vento – 20 milioni di italiani potrebbero restare a casa il 25 maggio: un dato senza precedenti per il nostro Paese. L’astensione dovrebbe restare più contenuta nelle regioni del Centro Nord, grazie al traino delle Amministrative, ma appare in crescita al Sud e soprattutto nelle Isole: in Sicilia poco più di un elettore su due appare intenzionato a non recarsi alle urne. Il tasso di affluenza alle urne nelle diverse aree del Paese potrebbe divenire l’elemento decisivo nella misurazione del consenso ai partiti».

I partiti non hanno fatto molto per incentivare la partecipazione al voto perchè hanno trasformato la campagna elettorale in un voto a favore o contro l´attuale governo non toccando i tanti temi dell´essere Europa. Pochi si sono avventurati a spiegare come fare per attrarre sempre più risorse europee e soprattutto a come spenderle, quasi nessuno ha detto come l´Europa può aiutare e anche risolvere l´emergenza immigrazione che tocca la Sicilia da vicino. In Sicilia invece il voto si è trasformato quasi in un referendum pro o contro Crocetta. In casa Pd è esploso il caso di Giovanni Fiandaca, candidato di quella parte del Pd che non perdona i metodi di Rosario Crocetta, che dal suo canto ha puntato tutto sulla sua ex segreteria ed attuale assessore al Turismo Michela Stancheris. Pd dunque spaccato, come nella migliore tradizione, e centro destra che arranca, suddiviso com´è in vari rivoli. L

a Sicilia fa parte della Circoscrizione elettorale V – Italia insulare (Sicilia-Sardegna) ed elegge 8 membri del Parlamento Europeo. La scheda che sarà consegnata all´elettore è di colore rosa per l’Italia insulare (Sicilia, Sardegna) visto che il colore è differenziato per le varie regioni italiane. L’Italia vanta 73 seggi al pari del Regno Unito. Lo stato che detiene il maggior numero è la Germania, con ben 96 seggi a disposizione. Seconda la Francia con 74 seggi, mentre la Spagna 54. I meno rappresentati sono l’Estonia, Cipro e Malta con 6, mentre Lettonia e Slovenia ne hanno 8.