Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1497
RAGUSA - 17/04/2014
Politica - "La revoca della delega all’Ambiente è stato un atto pretestuoso"

Conti silurato spara a zero sul sindaco grillino di Ragusa

Anche il Movimento Partecipiamo non condivide il comportamento del sindaco e c’è già chi parla di frattura tra lo stesso Federico Piccitto ed il meet up Foto Corrierediragusa.it

"La revoca della delega all´Ambiente è stato un atto pretestuoso". L´oramai ex assessore Claudio Conti (foto) ha detto la sua sul primo serio scricchiolio della giunta Piccitto ed ha dato una lettura politica prima che amministrativa alla sua vicenda. Anche il Movimento Partecipiamo non condivide il comportamento del sindaco e c´è già chi parla di frattura tra lo stesso Federico Piccitto ed il meet up di Ragusa. Da un lato il sindaco, insofferente e voglioso di autonomia, e dall´altro il meet up, che ha nei leader pentastellati nazionali e regionali i i suoi riferimenti. Il siluramento di Claudio Conti, espressione del meet up ragusano, da parte del sindaco non fa che acuire questa divaricazione che potrebbe portare nel prossimo futuro ad altri "chiarimenti" sul campo. Di certo Claudio Conti si sente oggi al di sopra delle parti perchè ritiene di avere svolto il suo lavoro fino in fondo. In conferenza stampa ha sostenuto che il problema della discarica, che per il sindaco era rimasto irrisolto, era stato affrontato ed impostato a livello di assessorato regionale già alla fine di febbraio. "Ho fatto quello che il M5S aveva chiesto, incrementando il ritiro dei prodotti alimentari dalla discarica per diminuire le quantità conferite.

Con la ditta Busso sono state messe le cose in chiaro, ho garantito lo spazzamento tre volte a settimana ed ho fatto rispettare il contratto sottoscritto con la ditta". Claudio Conti ritiene dunque di avere le carte a posto e dà una coloritura politica alla sua vicenda "Nell’ultimo periodo – ha detto Conti – ho buttato giù qualche boccone amaro, pur di completare il percorso intrapreso per la città, in materia di igiene ambientale. Sarebbe bastato un altro mese e mezzo, ma il Sindaco ha avuto fretta, essendo venuta meno la fiducia e traballando la collegialità che aveva contraddistinto all’inizio l’operato della giunta". Da parte sua Partecipiamo ha lanciato un siluro a Piccitto ed in genere all´amministrazione perchè non intravede elementi di innovazione e discontinuità rispetto al passato.

«Ad aprile – dicono gli esponenti del movimento – non abbiamo notizie relative al bilancio consuntivo 2013 (addirittura l’assessore parla di 13 milioni di avanzo) e preventivo 2014. Non sappiamo nulla del Piano di spesa della Legge 61/81. Non c’è stata condivisione sul piano triennale delle opere pubbliche. A che punto è il piano della L.328 sulle politiche sociali e quali sono le politiche sociali finora adottate? Qual è lo stato dell’arte del Patto dei Sindaci? Il piano strategico del distretto Sud-est come si intende gestirlo? E con chi? Cosa si vuol fare in merito alla gestione del ciclo dei rifiuti? Dov’è finita la nostra richiesta, di 6 mesi fa, per l’allargamento del perimetro del Parco degli Iblei? Dov’è finita la nostra richiesta di 6 mesi fa per l’istituzione dello sportello donna? Si ha una idea di cosa bisogna fare per il centro storico?». A Federico Piccitto la risposta.

IL BENSERVITO DI PICCITTO A CONTI
Federico Piccitto ha dato il benservito a Claudio Conti (nella foto). L´esponente di LegAmbiente non fa più parte della giunta visto che il sindaco ha deciso di ritirargli la delega e di tenerla per sè. E´ una bocciatura bella e buona per Claudio Conti al quale vengono addebitati ritardi ed incertezze nell´interlocuzione con la Regione per la risoluzione dei problemi ambientali della città a cominciare dalla gestione della discarica di Cava dei Modicani. "Occorrono interventi decisi ed immediati" dice il sindaco in una nota e spiega che manterrà per sè la delega all´ambiente. Conti era entrato anche nel mirino delle opposizioni che da mesi sostenevano la necessità di avvicendare l´assessore all´Ambiente, accusato di immobilismo. Il M5S condivide la scelta del sindaco perchè porta nuova linfa in giunta e si rende conto che "eseguire un turn over non è mai cosa semplice, soprattutto se si pensa che l´azione amministrativa non può mai subire uno stop. Riteniamo che il Sindaco abbia agito in modo cauto per non compromettere la progettualità posta in essere, ma anche in modo incisivo, rispetto a tutto ciò che dovrà essere realizzato prima del periodo estivo.

Il gruppo consiliare grillino non dice nulla sull´operato dell´ex assessore Conti nè entra nel merito del suo lavoro cosa che fa, invece, "Territorio" che in una nota scrive: "Anche il sindaco ha ben capito che occorre dare un forte colpo di timone alla barca che guida dallo scorso giugno e che va alla deriva. E’ quello che diciamo da tempo, adesso il ritiro della delega a Conti e i tanti problemi dell’ambiente ancora irrisolti, con una discarica che va verso l’esaurimento e con procedure rallentate per l’attivazione della nuova vasca. E come non ricordare l´affidamento, per circa migliaia di euro, voluto da Conti per individuare una società esterna a cui far redigere la nuova gara d’appalto per la raccolta dei rifiuti in città? Uno spreco alla luce della costituzione della Srr. E come non ricordare le tante belle parole spese per la mobilità sostenibile, le risorse energetiche, l’acqua pubblica. A voler tracciare un minimo bilancio dell’operato svolto da Conti, ci spiace purtroppo constatare che non c’è nulla. Dieci mesi di nulla, nessun progetto che sia realmente utile alla città, innovativo, concreto".

Nel contempo il sindaco ha nominato un nuovo assessore. Si tratta di Salvatore Corallo al quale è stata affidata la delega ai lavori pubblici. Si tratta del primo cambiamento all´interno della giunta pentastellata a palazzo dell´Aquila dall´elezione del giugno scorso ed il fatto assume una connotazione politica ben precisa precisa visto che Claudio Conti non ha condiviso alcune scelte del sindaco.